ultime notizie su COVID-19

Lezioni apprese durante la pandemia. 17: Camminare superando gli ostacoli

da | Ott 21, 2020 | Formazione vincenziana | 0 commenti

Ogni settimana, un membro della Famiglia Vincenziana condividerà con noi una parte della sua esperienza di questi ultimi mesi. Dal profondo del suo cuore, egli proporrà un messaggio di speranza, perché (ne siamo convinti) ci sono anche lezioni positive da trarre da questa pandemia.

La pandemia ha cambiato un po’ le nostre vite come famiglia. Siamo stati separati da una prescrizione medica e mentre mio figlio Alberto (22 anni) è andato a casa nostra al paese, io sono rimasta a casa di mia madre (87 anni) nel centro di Madrid, sotto le sue cure.

Questo ha significato, sia per Alberto che per me, un importante allontanamento dal nucleo familiare, e nelle sue parole l’esperienza è stata di “apprendimento, introspezione e sguardo al futuro” (Alberto).

I sentimenti, di fronte a una difficoltà di questo tipo, sono stati contraddittori. Di fronte a una separazione così forzata e rapida, come madre, la si sente molto dolorosa e ingiusta. Per Alberto, in linea di principio, è stata una sfida interessante vivere in modo autonomo e nel tempo, e nelle sue parole: “Sentivo che, pur potendo cavarmela da solo, avevo bisogno del calore della mia famiglia.

Il lato positivo è che possiamo apprezzare l’esercizio di maturità che questa esperienza ha significato per tutta la famiglia. Come madre pensi che il tuo bambino abbia già compiuto l’inizio di un passo che, a un certo punto, dovrà fare nella sua vita, cioè vivere fuori dal nido familiare.

“Ho scoperto che posso essere molto risoluto sui diversi fronti della vita indipendente, come la pianificazione delle attività, dallo studio online, alla logistica della cura e della manutenzione della casa. Per quanto riguarda i miei amici, ho scoperto che anche la vita sociale da casa è possibile ed è più economica” (Alberto).

Dal punto di vista del vivere la fede, questo tempo di isolamento è stato per me molto arricchente. Penso che tutta la Chiesa in tutto il mondo sia stata molto attiva e abbia dato prova di un’enorme solidarietà.

La risposta della Chiesa cattolica al confinamento è stata rapida ed efficace. Sarà difficile dimenticare come le comunità parrocchiali hanno cominciato a apparire nel mio cellulare chiedendo di abbonarsi ai loro canali youtube e di poter trasmettere la celebrazione delle Messe; le comunità religiose che pregano, con l’invito alla riflessione con audio e video; i vari gruppi di preghiera, la catechesi virtuale, gli esercizi spirituali, i sacerdoti che testimoniano le loro esperienze negli ospedali, nei reparti e negli alberghi attrezzati e negli obitori.

Per me ha significato un passo da gigante nel vivere la mia fede, un ripensare la vita della Chiesa per camminarci dentro in modo nuovo, con la capacità di reagire più rapidamente, in cui più persone possono entrare ed essere accolte con l’amore che tutti noi meritiamo e che non è altro che l’Amore di Dio per i suoi figli.

Per Alberto: “Da quando questa pandemia è emersa nella stagione degli esami, lo studio ha occupato la maggior parte del mio tempo. D’altra parte, ho trovato ammirevole il modo in cui la Chiesa si è adattata a questa situazione, con ogni tipo di contenuto sul web e promuovendo  l’aiuto inestimabile della Caritas”.

Per quanto riguarda la nostra vita con gli altri, il confinamento mi ha fatto servire mia madre in modo più integrale e abbiamo condiviso la messa domenicale e altre celebrazioni, tramite YouTube.

Ho continuato anche la catechesi dei bambini della Prima Comunione in modo virtuale, fatto che mi ha fatto conoscere nuovi strumenti per questa missione concreta. I genitori di questi bambini sono stati molto coinvolti in questo compito e quindi la collaborazione tra genitori e catechista è stato un altro punto positivo di questa situazione molto difficile.

A mio parere, non c’è esperienza, per quanto difficile, che un essere umano debba passare che non rappresenti un’esperienza di vita per lui e per gli altri. La resilienza, termine ormai di moda, è vista dal punto di vista psicologico ed è sicuramente una grande capacità o strumento umano per superare situazioni difficili.

Qualunque cosa renda gli uomini e le donne migliori, credo che Dio sia lì, sempre ad aiutare i suoi figli, perché ci ama con amore totale. Questo, per me, è un fatto, il più importante, e diventa una realtà nella mia vita quotidiana.

E quell’amore incommensurabile, con cui il Padre ci ama, farà sì che il suo popolo continui a camminare, come ha sempre fatto, e superi gli ostacoli partecipando a quell’amore con cui anche noi possiamo interagire.

Maria Merino e Alberto Trujillano.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This