ultime notizie su COVID-19

APPELLO DI EMERGENZA SULLA SICCITA’ IN AFRICA ORIENTALE:
DALLA SERA DEL 21 LUGLIO A MEZZANOTTE ATTIVO L’SMS SOLIDALE AGIRE 45500.
DOPO LE DICHIARAZIONI DELLE NAZIONI UNITE SULLA CARESTIA IN SOMALIA, L’ATTENZIONE DELL’OPINIONE PUBBLICA COMINCIA A RISVEGLIARSI.

DALLA MEZZANOTTE DEL 21 LUGLIO (LE 00.00 DEL 22 LUGLIO) SARA’ ATTIVO IL NUMERO SOLIDALE 45500. TRAMITE QUESTO NUMERO SI POTRANNO DONARE 2 EURO INVIANDO UN SMS DA CELLULARI TIM, VODAFONE, COOPVOCE, O CHIAMANDO DA RETI FISSE TELECOM ITALIA E TELETU.

Le Nazioni Unite hanno dichiarato oggi lo stato di CARESTIA in Somalia, in particolare nelle zone meridionali di Bakool e nel basso Scebeli. La “fame” era stata dichiarata ufficialmente in questa zona l’ultima volta nel 1993, e tutti speravano di non dover più sentire questa parola orribile nel XXI secolo. Ma la combinazione letale di instabilità politica, siccità e aumento dei prezzi delle derrate alimentari , riporta purtroppo a questi scenari apocalittici. Il tasso di malnutrizione in molte zone supera il 50% e migliaia di persone sono già morte per questa causa negli ultimi mesi.

Secondo le stime di Save the Children più della metà della popolazione nelle zone più colpite della Somalia è costituita da bambini. Sono 2 milioni quelli che soffrono le conseguenze più terribili della grave crisi alimentare e per 1 milione di loro c’è il rischio concreto di perdere la vita. “La dichiarazione dello stato di carestia deve scuotere la comunità internazionale,” – ha detto Ben Fot, Direttore Save the Children in Somalia. “Save the Children sta sfamando e curando migliaia di bambini nel Paese ma assistiamo al raddoppio del numero dei bambini malnutriti e non ci sono risorse sufficienti per far fronte alle necessità. L’intervento umanitario deve moltiplicarsi in modo massiccio e urgente.”

Ma la crisi in Somalia ha ripercussioni drammatiche su tutta la regione, in particolare in Kenya ed Etiopia, paesi che accolgono il maggior numero di sfollati somali e che sono a loro volta colpiti da una grave siccità. 11,5 milioni di persone risultano direttamente interessate dalla crisi nel corno d’Africa.

AGIRE ha lanciato un appello congiunto di raccolta fondi per sostenere gli interventi in corso nella regione.
INTERSOS E’ OPERATIVA IN SOMALIA, KENYA E SUD SUDAN E PARTECIPA ALL’APPELLO DI AGIRE.

9 Organizzazioni Non Governative del network sono operative nella regione. Per offrire il proprio sostegno sono al momento stati attivati i seguenti canali, a cui preghiamo di dare massima diffusione:

* On-line : Con carta di credito o conto Paypal sul sito www.agire.it
* Con carta di credito al numero verde 800.132.870 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 19.00).
* Con bonifico su conto corrente di Banca Prossima. IBAN IT 79 J 03359 01600 100000060696
Causale “Emergenza Africa Orientale”.
* Tramite bollettino postale sul conto corrente n. 85593614 intestato a AGIRE onlus, via Aniene 26/A – 00198 Roma. Causale Emergenza Africa Orientale.
* Assegno bancario non trasferibile intestato a AGIRE onlus, Causale Emergenza Africa Orientale. Inviare in busta chiusa a: AGIRE onlus, via Aniene 26/A – 00198 Roma.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO

Pin It on Pinterest

Share This