Le famiglie sgomberate da Cinecittà a Roma trascorreranno il giorno di Natale sotto i portici della basilica dei Santi Apostoli.

Nonostante la tristezza per un giorno di Natale al freddo, dopo quattro mesi, arriva una buona notizia: la Regione Lazio ha infatti messo a disposizione uno stabile a Pineta Sacchetti, una zona a nord di Roma, per permettere ai 60 nuclei familiari, accampati davanti la chiesa, di avere un tetto. Ad annunciarlo sono stati gli stessi occupanti, riuniti questa mattina in conferenza stampa a piazza Venezia, sotto l’albero di Natale di Roma, ormai ribattezzato “spelacchio”. “Questo abete è una buona rappresentanza dello stato in cui versa la città e di quello di cui è capace la giunta Raggi – sottolinea Cristiano Armati, del movimento per il diritto all’abitare -. Ma il vero presepe vivente sta a Santi Apostoli. Sarebbe ora di smetterla di parlare di “spelacchio” e di iniziare a parlare dei problemi veri di questa città. Ieri abbiamo incontrato l’assessora alla Casa, Rosalba Castiglione, che doveva trovare una soluzione. Ma a Roma la soluzione non c’è. La novità importante arriva, invece, dalla Regione Lazio: viene messo a disposizione un palazzo nell’ambito del piano per l’emergenza freddo, dove le famiglie potranno trasferirsi dopo il 25”.

Eleonora Camilli/Rs
Santi Apostoli 3

Il trasferimento dovrebbe avvenire  intorno al 27 dicembre, mentre per la vigilia e il giorno di Natale le famiglie insieme agli attivisti dei movimenti per la casa resteranno davanti alla basilica. “Molti di noi sono atei, altri di diverse religioni, ma abbiamo deciso di festeggiare il Natale tutti insieme ai Santi Apostoli – continua Armati -. Vogliamo portare solidarietà a queste famiglie, ma anche a “spelacchio”, una pianta sradicata, costata 50 mila euro, ed esposta al pubblico ludibrio, che ormai è il simbolo di questa città”. E proprio sotto l’abete di Roma le famiglie hanno lasciato i loro striscioni con scritto “Prima i poveri”, “La nostra vendetta sarà il sorriso dei nostri figli”. “Da quattro mesi viviamo per terra davanti la chiesa – sottolinea Abdul Gelfa, di origine marocchina, da 17 anni in Italia, e padre di due bambini di 4 e 2 anni-. A noi non interessano le questioni elettorali, non ci interessa la politica, vogliamo solo che i nostri figli tornino alla normalità, perché molti di loro stanno avendo diversi disagi a scuola. Questa storia deve finire. E’ vergognoso: stiamo a Roma, la città che accoglie tutti. Ma evidentemente la giunta Raggi non abbraccia nessuno”.

Eleonora Camilli/Rs
Santi Apostoli 2

Secondo Giuseppe De Marzo di Libera e della Rete dei numeri pari a Roma un terzo delle famiglie è a rischio esclusione sociale. “L’emergenza abitativa non riguarda una minoranza ma un pezzo consistente della società civile – spiega -. la giunta Raggi ha tolto 150milioni di fondi alle politiche sociali, per questo molti servizi sono stati tagliati o sono in affanno. Noi chiediamo un cambio di rotta. Ora speriamo che il Comune accetti la proposta della Regione per dare finalmente un tetto a queste famiglie che hanno bisogno di una casa. In tutta la città ci sono 15mila famiglie che sono in attesa e 100mila case sfitte. E’ un problema che va affrontato seriamente”.

Il timore degli occupanti è, però, che l’amministrazione capitolina possa non accettare il trasferimento nell’immobile di proprietà regionale: “per noi sarebbe gravissimo. Intanto chiediamo a Virginia Raggi, che è anche la nostra sindaca, di venire ai Santi Apostoli – sottolinea un’altra delle occupanti –deve vedere come si dorme la sera, deve sentire il freddo che fa. Se rifiuta questa offerta ci dica chiaramente dove vuole arrivare”. Intanto sotto i portici dei Santi Apostoli è stato allestito il tradizionale presepe natalizio: “ma il vero presepe vivente è qui fuori – sottolineano le famiglie – è negli occhi dei nostri bambini”. (ec – Redattore Sociale)


Tags: