Lettera di P. Tomaž Mavrič, Superiore Generale della Congregazione della Missione, sulla situazione in Ucraina

da | Mar 9, 2022 | Conflitto in Ucraina, Notizie sulla Famiglia Vincenziana | 0 commenti

Lunedì scorso, 7 marzo 2022, il Superiore Generale, P. Tomaž Mavrič, C. M., ha scritto una lettera a tutti i membri della Congregazione della Missione in tutto il mondo informando sulla situazione in cui si trova l’Ucraina, in questa maledetta, crudele, assurda e insensata invasione, aggressione e guerra che si sta conducendo contro il popolo ucraino.

P. Tomaž Mavrič conosce molto bene e in prima persona tutto dell’Ucraina, poiché, prima di essere eletto Superiore Generale, è stato il Vice-Visitore della Vice-Provincia di San Cirillo e San Metodio, che comprende l’Ucraina e la Russia. È stato in Ucraina per più di quindici anni. La lettera del Superiore Generale, degna di essere letta, riflessa e diffusa, è la seguente:

Roma, 7 marzo 2022

A tutti i missionari della Congregazione della Missione

“L’UCRAINA PIANGE DI NUOVO”.

Cari missionari,
Che la grazia e la pace di Gesù siano sempre con noi!

Un prete ortodosso ucraino, Alexi Pelipenko, che più tardi si convertì al cattolicesimo, scrisse un libro dopo la seconda guerra mondiale intitolato, L’Ucraina piange, in cui descriveva i massacri di persone che Stalin commise dopo il 1939 sul territorio dell’attuale Ucraina. Questa terribile tragedia umana è stata preceduta da un olocausto, sempre sotto il regime di Stalin, una carestia provocata artificialmente tra la prima e la seconda guerra mondiale, quando alcuni milioni di persone morirono sullo stesso territorio. Oggi “l’Ucraina piange di nuovo”!

Con questa lettera vorrei condividere con tutti i membri della nostra piccola Compagnia le informazioni che arrivano dai nostri missionari nella Vice-Provincia dei Santi Cirillo e Metodio, di cui l’Ucraina fa parte. Nel sud, nell’est e nel centro dell’Ucraina, dove avvengono i bombardamenti e i combattimenti più violenti, abbiamo tre comunità: Kharkov, Odessa e Kiev.

La città di Kharkov, molto vicina al confine russo, è stata pesantemente bombardata e distrutta, conta più di 2.000 morti. Migliaia e migliaia di persone sono fuggite dalla città, compresi i nostri tre missionari che servono questa missione. I confratelli sono al sicuro e hanno lasciato gli edifici della missione.

Odessa, a sud, è stata bombardata, ma i bombardamenti e i combattimenti più pesanti avvengono ora più verso le città della costa sudorientale. Per ora, i tre confratelli di quella missione sono ancora lì e stanno bene.

Anche la capitale ucraina, Kiev, è stata bombardata e pesanti combattimenti sono in corso nei dintorni. Quattro missionari della comunità di Kiev sono fuggiti nella parte occidentale del paese. Un confratello rimane nella missione di Kiev. Tutti stanno anche bene.

Il Visitatore della Vice-Provincia, P. Leonid Kuklyshyn, è in contatto quotidiano con tutti i confratelli della Vice-Provincia, e anche direttamente o indirettamente con gli altri membri della Famiglia Vincenziana che, per il momento, stanno bene. I missionari e anche altri membri della Famiglia Vincenziana in Ucraina occidentale stanno organizzando aiuti umanitari per un gran numero di rifugiati che si stanno spostando dal sud-est del paese verso l’ovest. Molti stanno attraversando il confine da Polonia, Slovacchia, Ungheria e Romania.

La Famiglia Vincenziana in Ucraina sta facendo ulteriori passi per migliorare gli aiuti umanitari, per coordinarli meglio e per distribuirli nelle molte aree del paese che hanno disperatamente bisogno di aiuto. I confratelli e la Famiglia Vincenziana dei paesi confinanti con l’Ucraina, cioè Slovacchia, Polonia e Italia (l’Ungheria insieme alla Romania è una regione della Provincia d’Italia), sono già in contatto diretto con i confratelli e gli altri membri della Famiglia Vincenziana di lì, organizzando consegne di aiuti umanitari ai loro confini con l’Ucraina.

Oltre a queste province, altre province si stanno offrendo di aiutare in qualsiasi modo sia necessario. Nei prossimi giorni, sarà inviata una lettera a nome della Famiglia Vincenziana Internazionale su come possiamo estendere l’assistenza e anche su come migliorare il coordinamento del nostro aiuto umanitario.

Una necessità immediata che la Famiglia Vincenziana vede nell’Ucraina occidentale è quella di fornire un mezzo di trasporto per distribuire gli aiuti umanitari all’interno dell’Ucraina una volta arrivati alla frontiera da vari paesi. Nella Curia generale abbiamo aperto un conto chiamato “Aiuto per l’Ucraina”.

Qualsiasi provincia o regione che desideri aiutare e sostenere i nostri confratelli e la più grande Famiglia Vincenziana in Ucraina, che sta cercando di essere il più “creativa” possibile per aiutare la sofferente nazione ucraina, può inviare la sua donazione direttamente a questo conto presso la Curia Generale.

Come avrete probabilmente letto o sentito, ci sono già più di 1,5 milioni di rifugiati ucraini in diversi paesi d’Europa, e ci sono anche sfollati interni e il loro numero sta crescendo. La Famiglia Vincenziana nella parte occidentale dell’Ucraina, Sniatyn (il Santuario e luogo di sepoltura della Beata Marta Wiecka, HC), Storozhynets e Perechin riceve e aiuta molti rifugiati.

Parlando con P. Leonid Kuklyshyn, sarebbe bello se le nostre province in Europa fossero aperte anche ad accogliere i profughi della Famiglia Vincenziana provenienti dall’Ucraina che lasceranno il Paese o, in generale, ad altri profughi ucraini. Padre Leonid ora sta collaborando alla linea telefonica speciale dell’arcidiocesi di Lviv, dove molti rifugiati chiamano per chiedere aiuto.

Certamente, la possibilità di accogliere i rifugiati ucraini dipende dalla legislazione di ogni paese. Invito e incoraggio le nostre province in Europa a pensare a questa possibilità, a vedere se alcuni dei nostri edifici potrebbero essere utilizzati per ricevere i rifugiati.
Chiedo alle province che possono aiutare di inviare le informazioni direttamente alla Segreteria Generale, indicando anche il numero approssimativo di persone che possono ricevere, secondo la disponibilità degli edifici.

Trasmetteremo le informazioni a P. Leonid, che poi contatterà direttamente ogni provincia. Se qualche provincia ha altri suggerimenti o altri modi per aiutare o accompagnare i rifugiati ucraini nel loro paese, per favore fatecelo sapere.
Cari missionari, concludendo questa lettera, vorrei ringraziare tutti voi, dal profondo del mio cuore, per quello che avete già fatto o state facendo per l’afflitta nazione ucraina. C’è un’intensa catena di preghiera nella Compagnia, in tutta la Famiglia Vincenziana e nel mondo per la pace in Ucraina e nel mondo. Quando “l’Ucraina piange di nuovo”, asciughiamo insieme tutte le lacrime che possiamo, facendo eco alle parole di Gesù: “come l’avete fatto al più piccolo dei miei fratelli, l’avete fatto a me”.

Tuo fratello in San Vincenzo,

Tomaž Mavrič, CM
Superiore Generale

Tags:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO