Durante le fredde notti di Bogotá, si possono trovare gruppi formati da sei persone in cerca di più di 9500 individui che, secondo i dati governativi, dormono per le strade della capitale colombiana. Sotto il coordinamento di suor Nohemy Sánchez, le Figlie della Carità e i laici lavorano da 22 anni con i più poveri tra i poveri in un Paese segnato da conflitti armati interni e disuguaglianze.

I gruppi vanno a cercare quelli che suor Nohemy chiama “i nostri fratelli che vivono per la strada”. I gruppi sono composti da Figlie della Carità, postulanti e laici dell’Associazione Medaglia Miracolosa, che vogliono offrire loro compagnia e cibo caldo. “Andiamo a cercare i nostri fratelli come Gesù con la pecorella smarrita, andiamo ad ascoltarli, a diventare loro amici in modo che possano insegnarci le cose di Dio “, spiega Sr. Nohemi. “I laici ci dicono che i poveri sono quelli che li evangelizzano”. All’inizio, il lavoro è stato fatto a fianco della Gioventù Mariana Vincenziana, “ma ora loro sono cresciuti”.

“Questa è veramente una scuola di formazione per molte persone, la postulante viene con noi per concretizzare la dottrina appresa”, dice Sr. Nohemy “è vitale andare dai poveri perché tanta gente soffre. La Colombia è un paese produttore di droga, ma anche consumatore”.

La Casa Provinciale delle Figlie della Carità è anche un centro diurno dal lunedì al sabato chiamato “Centro ambulatoriale Medaglia Miracolosa”. “Prima che qualcuno entri, si sequestrano droga e armi”, spiega suor Nohemy. Una volta entrati, gli ospiti possono fare una doccia e, quando è possibile, ricevere dei vestiti. “Ma devono anche guadagnarsi queste cose e chiediamo loro di pulire la zona refettorio dove pranzano, in modo che sia dignitosa, come meritano che sia”. Almeno durante il tempo trascorso nella Casa Provinciale, non si fa uso di droghe. Per il cibo, le Figlie della Carità ricorrono al banco alimentare dell’Arcidiocesi. “Abbiamo sempre ricevuto sostegno dalla Provincia delle Figlie della Carità, dalla Congregazione della Missione e dall’Arcidiocesi”.

Il Servizio Nazionale per l’Apprendimento, un ente pubblico, arriva per organizzare workshop sui progetti di vita e sulla gestione del denaro. Le Figlie della Carità sono anche riuscite a far sì che il governo sostenga l’accesso ai servizi sanitari per i loro assistiti. Ma curare le dipendenze a Bogotà non è sempre facile. Per questo motivo, negli ultimi 12 anni, le Figlie della Carità hanno anche gestito una “Comunità in dialogo” a due ore da Bogotà. In gruppi di 10 beneficiari vivono in una vecchia stalla donata da un partner delle Figlie della Carità, dove applicano il Modello Terapeutico Ecclesiastico-Vincenziano.

Ispirandosi all’opera del sacerdote italiano padre Matteo Tagliaferri, suor Nohemy ha trascorso tre mesi in Italia per conoscere questo approccio che coniuga l’attenzione psicologica, umanistica e pedagogica con l’evangelizzazione. “Avevo bisogno di un modello che contenesse l’essenza vincenziana, e l’ho trovato con don Matteo”. I beneficiari sono supportati da un assistente sociale e da un terapista occupazionale. Anche Suor Nohemy, infermiera di formazione, li sostiene con un supporto terapeutico e spirituale. Il motto della Comunità è: “Amare qualcuno è come dirgli che non morirà mai”. “È fondamentale che lo sentano quando glielo dicono, che viene dal cuore”, sottolinea Sr. Nohemy.

Più di 30 persone sono già passate in questa Comunità e alcune di queste hanno ottenuto borse di studio per andare all’Università. “Anche l’aspetto accademico fa parte di questo approccio integrale”…Ora i pionieri stanno diventando leader.

Suor Nohemy ha spiegato il suo approccio negli incontri organizzati dal Pontificio Consiglio per la Pastorale  dei Migranti e degli Itineranti e persino a Papa Francesco in persona. Tutto questo lavoro è stato recentemente riconosciuto dal Consiglio Comunale di Bogotá, ma le Figlie della Carità hanno bisogno di maggiore sostegno. La Provincia La Milagrosa di Bogotá si è fusa con la Provincia venezuelana a causa della difficile situazione del Paese confinante. Si prega di notare che l’affitto della proprietà dove ha sede la Comunità in Dialogo dura fino a maggio 2020.

Sono alla ricerca di una nuova proprietà in cuipoter portare avanti questo servizio. “Ho un sogno, quello di trovare un posto in campagna, autosufficiente, con una cappella dove i ragazzi possono pregare, fare sport e dove i laici possano organizzare dei ritiri. So che questo è un sogno, ma tutto questo lavoro all’inizio sembrava impossibile”.

Puoi leggere di più su questo lavoro su  Testimonianza di suor Nohemy (in spagnolo).

https://vfhomelessalliance.org


Tags: , , ,

Pin It on Pinterest

Share This