Il 26 e il 27 maggio 2018, la Famiglia Vincenziana dell’Ucraina ha fatto il 9 ° pellegrinaggio al santuario di Sniatyn. Nel cimitero di questa città sono venerati i resti della Beata Marta Wiecka, Figlia della Carità, di cui abbiamo celebrato quest’anno il X anniversario della beatificazione.

Oltre al pellegrinaggio, un altro degli eventi è stata la benedizione della Piazza in memoria del decimo anniversario della sua beatificazione. La piazza si trova all’ingresso dell’ospedale dove Marta Wiecka ha prestato servizio come Figlia della Carità e dove è morta in uno stato di santità al servizio della carità.

Marta Wiecka nacque il 12 gennaio 1874 a Nowy Wiec, in Pomerania, ai confini della Polonia; lei era la terza di tredici figli. Fin dalla sua infanzia ha mostrato un’attrazione per la preghiera e per il servizio del prossimo

A 18 anni entrò nel noviziato delle Figlie della Carità di San Vincenzo de ‘Paoli a Cracovia, e durante i suoi dodici anni di vita consacrata servì i poveri in vari ospedali. Non aveva l’unica preoccupazione per la salvezza del corpo ma anche dell’anima.

Risultati immagini per beata marta wieckaA 30 anni, in un normale giorno di servizio in ospedale, prese il posto di un giovane padre che dovette riempire il servizio di pulizia di una stanza in cui morì un paziente affetto da tifo. Suor Maria conosceva il rischio per la sua salute e andò a sostituire l’uomo. La Beata colse la malattia pochi giorni dopo, rimanendo nella gioia, consegnò il suo spirito a Dio il 30 maggio 1904, a Sniatyn, in Ucraina. La ragione della sua morte la rende conosciuta da molti come “Massimiliano Kolbe dell’Ucraina”.

È stata beatificata il 24 maggio 2008 a Leopoli, in Ucraina, dal cardinale Tarcisio Bertone.

Continuiamo a chiedere l’intercessione dei santi, beati e servi di Dio della Famiglia Vincenziana e a informare delle grazie ricevute attraverso la loro intercessione, comunicando tutti i miracoli e grazie ottenute tramite mail vfo@famvin.org o direttamente al nostro Procuratore generale, la Padre Gisseppe Guerra CM, postgen@cmglobal.org


Tags: