Il 20 ottobre in tutta la Spagna sarà diffuso il nuovo film di Contracorriente Producciones / Three Columnas Entertainment, Red de Libertad. A Roma, al Cinema Farnese in Piazza Campo de’ Fiori, il 10 e l’11 ottobre è stato presentato in anteprima alla presenza del Regista e della protagonista. Hanno potuto apprezzare l’opera il Superiore Generale della Congregazione della Missione, P. Tomaz Mavric e tanti vincenziani presenti a Roma per partecipare al Simposio della Famiglia Vincenziana. Assumpta Serna è la protagonista che veste i panni di suor Helena Studler (1891-1944), religiosa delle Figlie della Carità che ha salvato più di duemila persone in Francia durante l’occupazione nazista. Il personaggio rappresenta un esempio del carisma vincenziano nel quarto centenario della fondazione di San Vincenzo de’ Paoli (1581-1660), come ricorda Pablo Moreno, regista del film.


Assumpta Serna, una grande attrice del cinema spagnolo, incarna suor Helena.
-Cosa vi ha colpito del personaggio di suor Helena Studler per farne il film Red de libertad?

“Era la storia di una donna coraggiosa che ha fatto qualcosa di straordinario in un momento storico difficile. Ha incarnato molto bene il carisma vincenziano: la sua passione, il suo coraggio, la denuncia delle ingiustizie, il lavoro per gli altri …

-Si nota che Helena si impegna per lenire le sofferenze delle persone che la vita le fa incontrare: non è una strategia a priori, risponde alla realtà che lo afferma.

– In effetti lei risponde, bene o male, alla realtà. Non volevo fare una agiografia con questo film, innanzitutto perché non è una santa. Inoltre, è stata una persona che aveva pregi e difetti. A volte era impulsiva e non ha sempre fatto le scelte migliori, ma lei voleva fare le cose bene. Mi sono identificato con lei e credo che anche chiunque possa farlo. È un’eroina moderna a cui non tutto va bene. “Dicono che accanto a un santo c’è sempre un martire. Alcuni suoi compagni, compresa la sua  superiora, hanno subito le conseguenze di alcune azioni intraprese da suor Helena. Ad esempio, come conseguenza di essere coinvolta nella evasione dal carcere di un generale francese, la superiora è stata internata in un campo di concentramento.

“Come si lavora con Assumpta Serna?”

– È stato un “passaggio”, ha un grande talento e, soprattutto, è molto generosa: cerca sempre di favorire il partner, di facilitare il suo lavoro, propone molto e cerca sempre modi per migliorare la propria interpretazione. Ha letto il copione e ha detto che voleva partecipare al film. Per noi è stato un dono avere Assumpta. È un’attrice internazionale, ha fatto più di cento film …

Quanto tempo sono durate le riprese? Avevate le risorse umane ed economiche per realizzare ciò che avete progettato?

“Avevamo un compito, una certo budget economico e dovevamo finire in un tempo predeterminato. Dovevamo adattare tutto. All’interno dei limiti che abbiamo avuto la squadra ha funzionato molto bene. È una grande squadra di professionisti del settore artistico e tecnico. Siamo riusciti a far grande questo film grazie al lavoro di tutti e alla produzione che ha adattato tutti i pezzi.


Helena Studler è considerata una delle grandi eroine cattoliche della Resistenza
– È il quarto film a tema religioso cattolico del Contracorriente. E’ un cinema che raffigura persone impegnate nella loro fede, cosa vi spinge a farlo?

– Fa parte del nostro carisma e della nostra vocazione e crediamo che dobbiamo raccontare queste storie. Per quanto riguarda il tema, ciò accade per una serie di episodi che accadono. Questa è il sesto film. Ma il terzo, un Dio proibito, segna un inizio sul nostro stile. Per lavorare ci serviamo di pochissimi mezzi; rappresenta il sogno di un gruppo di giovani che volevano fare dei film.

 -In questo senso, sei soddisfatto della risposta del pubblico dentro e fuori la Spagna?

“Siamo felici. Pensiamo sempre che possiamo fare di più per fare meglio il nostro lavoro. Cerchiamo di superare noi stessi e superare le sfide, cercando di fare film migliori ogni volta. È vero che sono stati momenti difficili per il cinema, per la crisi, il 21% di IVA … Il cinema non dovrebbe scomparire; è un linguaggio universale, è un luogo di incontro, unisce tutte le arti. Vogliamo continuare a produrre film che narra qualcosa di intangibile, quello che non può essere visto o toccato …

– A volte anche il cinema riduce il messaggio di Gesù Cristo all’etica, ai valori. Cosa ne pensi?

“È vero, c’è una tentazione di ridurre la fede ai valori. Crediamo nella trascendenza. È come l’annuncio: “Cresci o arricchisci”. Credo che la trascendenza arricchisce sempre il messaggio. Abbiamo cercato in questo film di rappresentare un giusto equilibrio in modo che i credenti e i non credenti possano vederlo e nessuno si sente infastidito, ma c’è una parte iconografica e trascendente che deve esistere.

-La società di produzione è a Ciudad Rodrigo. Che cosa vi ha bloccati alla terra dove siete nati? Senza dubbio, avreste più opportunità a Madrid o in una città più grande.

“Noi continuiamo perché la nostra terra è molto povera, è mortalmente ferita. I paesi si spopolano, i nostri giovani lasciano perché non ci sono opportunità. Siamo a ovest dell’ovest della Spagna. Tuttavia, siamo convinti che le industrie culturali siano motori di sviluppo, come ha affermato l’Unesco. Crediamo fermamente in questo approccio. Vogliamo cambiare il mondo, ma innanzitutto devi iniziare a casa tua.

“È una vocazione quasi religiosa, nel tuo caso?”

“Sì, da una parte, una vocazione come regista. Nell’opera dell’attore c’è qualcosa del sacerdozio, c’è un rito, una liturgia e essere direttore. Se non c’è qualcosa che ti brucia dentro, non lo faresti. Quando fai un film ti esponi e sei nudo davanti al mondo. Poi vogliamo creare film che hanno un carattere religioso e spirituale che parli al mondo di cose altre: il messaggio di Gesù Cristo, dell’amore universale è qualcosa che deve raggiungere tutto il mondo, rispettando il credo religioso di tutti gli altri.

“Credi che il cristianesimo si diffonde attraverso” invidia “?

“Non l’ho mai pensato, ma sono convinto che un cristiano deve essere un esempio attraverso il suo modo di vivere, il suo modo di prendere decisioni. Mi piacciono quei personaggi che non ti fanno le prediche, né vogliono venderti la “moto”, ma che dalla loro vita traspare qualcosa di incredibile.

 – A Ciudad Rodrigo fanno il Festival annuale del cinema educativo e spirituale. Cosa ti sta insegnando questo legame tra queste proposte e il luogo così piccolo come la tua città?

“È una finestra aperta al mondo. Condividiamo i sentimenti di molte persone (quest’anno sono arrivati ​​più di novecento film) quando ti inviano una visione particolare della loro vita. Mi arricchisce molto questa varietà di approcci e culture … Sono un duro difensore di quel compromesso di conoscenza. Se si conosce la realtà dell’altro, si può impegnarsi per la loro causa o, almeno, avere simpatia per essa. Dobbiamo far conoscere il mondo di coloro che pensano diversamente; dovete conoscere i loro motivi e mostrare i nostri.

“Credi sempre che l’altro sia buono?

“Se avessi pensato diversamente, sarebbe un male per l’altro.” Vado a letto credendo che c’è sempre qualcosa di buono nell’altro.


Tags: