«Ero straniero e mi avete accolto»

 

Bando di Concorso per la raccolta, selezione e finanziamento

di proposte progettuali

nell’ANNO DEL RIFUGIATO 2017

 

 

  • SLOGAN:  «L’ABC del rifugiato: Amicizia, Benessere, Conoscenza»

 

In continuità con le Campagne di sensibilizzazione già promosse o condivise dalla FamVin[1], desideriamo che anche il progetto per la celebrazione del IV Centenario dalla fondazione delle “Confraternite della Carità” (GVV) e della “Compagnia dei Preti della Missione” (CM), sia orientato al conseguimento di uno degli Obiettivi del Millennio per lo Sviluppo (ODM)[2].

Il proposito è tradurre la memoria di cui siamo custodi in profezia, che esprima la nostra consapevolezza di abitare il presente come protagonisti e promotori di “cambiamento sistemico”, coniugando in modalità tangibili e possibilmente innovative Evangelizzazione e Promozione umana.

 

  1. Tomaž Mavrič, Padre Generale CM, sollecita la Famiglia Vincenziana internazionale a integrare nella riflessione e nelle iniziative per il IV Centenario il tema dell’Anno del rifugiato: Ero straniero e mi avete accolto (Mt 25, 35).

Acquisendo il suggerimento, dal 25 gennaio 2017 con scadenza 25 marzo 2017 è proposto un  Bando di Concorso per la raccolta e selezione di proposte progettuali che saranno finanziate con i fondi raccolti dai diversi organismi che compongono la Famiglia Vincenziana, durante il 400° Anniversario del Carisma.

 

 

 

PROGETTI

 

Requisiti ai quali risponderanno i PROGETTI da candidare al finanziamento:

  • Provenire dalla Famiglia Vincenziana italiana.
  • Avere come obiettivo alfabetizzazione e formazione culturale (bambini, giovani, adulti, fasce specifiche o meno protette, ad es.: donne, portatori di disabilità, lavoratori…).
  • Si potranno richiedere contributi per realizzare o migliorare strutture (scuole presso la Missione, scuole rurali, laboratori per addestramento artigianale o professionale…).
  • È possibile prevedere un sostegno economico e/o un incentivo per i docenti per i quali si potranno anche organizzare corsi di formazione e di aggiornamento.
  • Si potrà richiedere fornitura di materiali didattici (dispositivi informatici compresi).
  • Si possono candidare per l’assegnazione di “borse di studio” studenti di entrambi i sessi che si siano distinti per impegno e risultati scolastici.

 

  • Corsi di accompagnamento per la formazione professionale dei migranti allo scopo di favorirne una reale inclusione sociale.
  • Progetti di accoglienza di rifugiati che escono dai circuiti delle accoglienze convenzionate con il Ministero dell’Interno (SPRAR) e le Prefetture e che ancora non hanno concluso il loro percorso di inclusione. Si può sperimentare l’housing first (offerta di una prima locazione) per far fronte al disagio abitativo.
  • Progetti di sviluppo di Micro imprese nei Paesi di Missione in cui sono presenti i rami della Famiglia Vincenziana per favorire l’economia del luogo e quindi facilitare la prospettiva di restare (o eventualmente tornare) nella propria terra di origine.
  • Potenziamento in ottica formativa di opere già in essere di accoglienza dei profughi.
  • Assegnazione di “borse lavoro”.
  • Costituzione o rafforzamento di Micro impresa che abbia come obiettivo inclusione socio lavorativa integrata (Cooperative sociali di tipo “B”).
  • Affrontino in maniera propositiva il tema della mancanza di lavoro considerato da sempre tra gli impedimenti più tenaci al raggiungimento di qualsiasi obiettivo di promozione umana.
  • Offrano opportunità di formazione specifica di personale da investire come risorse professionali nei circuiti dell’accoglienza, della professionalizzazione, della produttività.

I progetti dovranno pervenire entro il 25 marzo 2017 a:

famvin400.annorifugiato@gmail.com

oppure

Commissione Anno del Rifugiato 2017

c/o Collegio Leoniano

Via Pompeo Magno, 21

00192 Roma

 

[1]     Il riferimento è alle ultime Campagne di sensibilizzazione: “Azioni politiche contro la Malaria” (2004-2005), “Progetto Acqua. Acqua: una goccia per la vita” (2008-2010).

[2]    Gli Obiettivi di sviluppo del Millennio (MDG, Millennium Development Goals: “Obiettivi del Millennio”) delle Nazioni Unite sono otto obiettivi che tutti i 193 stati membri dell’ONU si sono impegnati a raggiungere per l’anno 2015. La Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, firmata nel settembre del 2000, impegna gli stati a:

  1. Eliminare l’estrema povertà e la fame nel mondo;
  2. Rendere universale l’istruzione primaria;
  3. Promuovere l’uguaglianza dei sessi e l’autonomia delle donne;
  4. Ridurre la mortalità infantile;
  5. Migliorare la salute delle madri migliorando la mortalità materna;
  6. Combattere l’HIV – l’AIDS, la malaria e altre malattie;
  7. Preservare l’ambiente;
  8. Istituire un partenariato per lo sviluppo.