Lettera di P. Tomaž Mavrič, CM, in occasione della festa di San Vincenzo de’ Paoli 2022

da | Set 19, 2022 | Formazione vincenziana | 0 commenti

Come è consuetudine in questo periodo, Padre Tomaž Mavrič, CM, Presidente del Comitato Esecutivo della Famiglia Vincenziana, invia una riflessione a tutta la Famiglia Vincenziana in occasione della festa di San Vincenzo de’ Paoli il 27 settembre:

FESTA DI SAN VINCENZO DE PAOLI

PASSARE DA UNA STRUTTURA DI “FAMIGLIA VINCENZIANA”
A UN “MOVIMENTO DELLA FAMIGLIA VINCENZIANA”

CENTRI VINCENZIANI DI SPIRITUALITA
E DI FORMAZIONE NEL MONDO

Ai membri della Famiglia vincenziana di tutto il mondo

Care Sorelle e Fratelli,

La grazia e la pace di Gesù siano sempre con noi!

Ci avviciniamo, a grandi passi, alla festa di San Vincenzo che ufficialmente cade il 27 settembre, ma, in considerazione delle realtà locali, la celebrazione può aver luogo in un altro giorno per consentire a più persone di parteciparvi.

Stiamo assistendo alla ripresa degli incontri in presenza, il che è per noi una gioia e un incoraggiamento, perché possiamo testimoniare nuovamente in famiglia, come persone di fede, partecipando all’Eucaristia e ad altre celebrazioni che un anno fa erano ancora impedite dalla pandemia. È un motivo in più per mobilitare tutte le nostre forze e i nostri talenti al fine di rendere questa celebrazione della festa di san Vincenzo de’ Paoli una festa memorabile dopo questi ultimi anni in cui i raduni sono stati molto limitati o vietati.

In realtà, tutto il mese di settembre è chiamato mese vincenziano. Sulla base della struttura e del programma della Famiglia vincenziana in ogni Paese, possono essere proposti diversi eventi, incontri e iniziative nel corso del mese. Può trattarsi di giornate di ritiro per i giovani che discernono la vocazione alla vita consacrata, nonché di iniziative di formazione e di carità per approfondire la nostra spiritualità e il nostro carisma vincenziano. Invitiamo anche altre persone, che forse non conoscono san Vincenzo de’ Paoli e gli altri Santi, Beati e Servi di Dio della Famiglia vincenziana, a scoprire la nostra spiritualità e il nostro carisma vincenziano attraverso le nostre parole e le nostre azioni.

La lettera di quest’anno per la festa di san Vincenzo de’ Paoli si intitola: Passare da una struttura di “Famiglia vincenziana” a un “Movimento della Famiglia vincenziana” e a Centri vincenziani di spiritualità e di formazione in tutto il mondo.

Non molto tempo fa, i responsabili internazionali delle diverse Congregazioni vincenziane di vita consacrata e delle associazioni laicali vincenziane hanno iniziato a riunirsi ogni anno per stabilire rapporti più stretti e di collaborazione, in quanto appartenenti a un gruppo con la stessa spiritualità e lo stesso carisma, anche se ognuno ha mantenuto la propria specificità e unicità. Questo gruppo ha iniziato a essere chiamato “Famiglia vincenziana” ed è stato simboleggiato da un albero con molti rami. Il tronco dell’albero, con le sue radici, rappresenta la nostra spiritualità e il nostro carisma vincenziano comuni, mentre ogni ramo rappresenta una particolare congregazione o associazione. Per questo motivo usiamo spesso la parola rami, ricordando il bel simbolo dell’albero.

La Famiglia vincenziana, questo bell’ albero, è cresciuta negli anni e continua a crescere. Quando scopriamo nuove Congregazioni e associazioni laicali che vivono e attuano la spiritualità e il carisma vincenziano, le invitiamo a unirsi alla Famiglia vincenziana, aggiungendo un nuovo ramo a questo albero in continua crescita.

Riunire gruppi, indipendentemente dalla loro origine, per un servizio collaborativo fa parte della tradizione vincenziana. Si consideri l’introduzione al Regolamento delle Dame di Carità della Corte:

La Compagnia delle dame della Carità sarà istituita per onorare la carità di Nostro Signore e quella della sua Santa Madre e delle donne che lo seguivano e gli procuravano le risorse necessarie alla sua persona, alla sua compagnia e a volte alle moltitudini che lo seguivano e ai poveri.

[La compagnia della corte] proteggerà e assisterà le compagnie della Carità dell’Hôtel-Dieu, dei trovatelli, dei forzati, delle bambine delle mademoiselles Poullalion e de Lestang, delle povere figlie serve della Carità delle parrocchie, delle figlie de La Madeleine, e tutte le opere buone istituite dalle donne ai nostri tempi.[1]

Recentemente, in molti Paesi dell’America Centrale e del Sud, sono nate le cosiddette confraternite vincenziane, come la confraternita degli avvocati vincenziani, degli insegnanti vincenziani, dei traduttori vincenziani, degli specialisti vincenziani nel campo della comunicazione, ecc. Riuniscono altre persone che vivono la stessa spiritualità e lo stesso carisma e si sentono membri della Famiglia vincenziana. È il servizio ai poveri che li unisce.

I gruppi strutturati di Congregazioni femminili e maschili e le associazioni laicali sono attualmente 165. Inoltre, ci sono molte altre persone che sono attratte e ispirate dalla persona di san Vincenzo de’ Paoli e dagli altri Santi, Beati e Servi di Dio della Famiglia vincenziana, ma che non appartengono ufficialmente a nessuno dei suoi rami. Sono attratte dalla spiritualità e dal carisma vincenziano attraverso libri, articoli, internet, radio, televisione e social media. Desiderano approfondire la loro conoscenza del modo vincenziano di pensare, di parlare e di vivere, diventando così parte attiva dello spirito di san Vincenzo de’ Paoli, con il diritto di essere chiamate “vincenziani”. Un gran numero di persone che non appartengono in modo specifico a un gruppo, per il modo in cui vivono la loro vita, servono, pensano, parlano e agiscono, incarnano lo spirito e il carisma vincenziano. Vedo qui il continuo sviluppo della Famiglia vincenziana e di questo meraviglioso albero vincenziano in quello che sta diventando una sorta di “Movimento della Famiglia vincenziana”.

Quali strumenti possiamo utilizzare o stiamo già utilizzando per offrire incontri spirituali e corsi di formazione vincenziana ai gruppi strutturati e alle persone che non appartengono ad alcun gruppo della Famiglia vincenziana, e per coinvolgerle attivamente in diversi progetti e iniziative all’interno della Famiglia vincenziana?

In tante parti del mondo, questa è già una realtà o lo sta diventando gradualmente. Insegnanti, professori, famiglie di studenti di scuole e università vincenziane, ex allievi di queste diverse istituzioni, personale di ospedali e di centri sanitari, altro personale e le loro famiglie, operatori sociali, parrocchiani di parrocchie vincenziane e singoli individui, imparano a conoscere lo stile vincenziano attraverso i diversi mezzi di comunicazione o altro. Il sito web internazionale della Famiglia vincenziana, famvin.org, offre già numerosi strumenti nell’ambito della formazione alla spiritualità e al carisma vincenziano. Allo stesso modo, altri siti web della Famiglia vincenziana offrono risorse formative simili attraverso i social media a tutti, ovunque nel mondo.

Numerose Congregazioni femminili e maschili formano il personale laico nelle rispettive istituzioni per continuare a trasmettere lo spirito e il carisma vincenziano. Quando le Suore, i Fratelli e i Preti lasceranno una scuola, un’università, un ospedale, un centro sanitario, ecc. i collaboratori laici saranno pronti a dare continuità ai servizi educativi, sanitari e sociali secondo la tradizione vincenziana.

Oltre a tutte le persone appena citate, ci sono molti altri gruppi o persone che vivono la spiritualità e il carisma vincenziano, ma non sempre sono collegati alla Famiglia vincenziana, questo bell’albero! In che modo possiamo aiutarli?

Questa è la seconda parte del titolo della festa di san Vincenzo de’ Paoli di quest’anno, che prevede l’organizzazione di “Centri vincenziani di spiritualità e formazione” nei diversi Paesi del mondo in cui è presente la Famiglia vincenziana.  In alcuni Paesi esistono già centri di spiritualità e di formazione vincenziana oppure esistono già diversi rami che offrono corsi in questo ambito.

Contattare i Centri esistenti ci permetterebbe di conoscere tutto il materiale di cui dispone l’intera Famiglia vincenziana. In seguito si potranno invitare altri Paesi e Regioni ad aprire Centri di spiritualità e formazione vincenziana dove non esistono, condividendo l’abbondante materiale già preparato per tali centri.

San Vincenzo ha sottolineato la necessità di essere formati per formare gli altri, precisando a un confratello:

«Ringrazio Dio per il bel numero di ecclesiastici che monsignor Vescovo di… le manda. Non gliene mancheranno mai se avrà cura di formarli nell’autentico spirito del loro stato, che sostanzialmente consiste nella vita interiore e nella pratica dell’orazione e delle virtù. Non basta insegnar loro il canto, le cerimonie ed un po’ di morale; la cosa principale è formarli alla solida pietà e devozione. Per questo, reverendo, dobbiamo esserne ricolmi anzitutto noi, altrimenti sarebbe quasi del tutto inutile dare loro un insegnamento, se poi non ne diamo anche l’esempio. Dobbiamo essere come serbatoi d’acqua sempre colmi, per poterla distribuire agli altri senza che abbiamo mai ad esaurirci. Dobbiamo dunque possedere quello spirito, di cui vogliamo che loro siano animati, perché nessuno può dare quel che non ha».[2]

Il prossimo novembre, il Comitato esecutivo della Famiglia vincenziana discuterà di questo tema durante l’incontro annuale a Roma.

Vorrei incoraggiare tutti i responsabili internazionali, nazionali e regionali dei rami strutturati di questo bell’albero che è la Famiglia vincenziana a invitare il maggior numero possibile di membri delle confraternite e i collaboratori che non appartengono a nessun gruppo specifico, a partecipare ai vari eventi che saranno organizzati nei diversi Paesi durante il mese di settembre.

Vi preghiamo di inviarci foto e video delle diverse celebrazioni che avete organizzato durante questo mese di settembre vincenziano o brevi articoli su di esse a queste due e-mail, e cercheremo di condividere le informazioni attraverso diversi canali di comunicazione.

  • Javier Fernández Chento : chento@famvin.org
  • Hugo Marcelo Vera, CM : nuntia@cmglobal.org

La Madonna della Medaglia Miracolosa, san Vincenzo de’ Paoli e tutti i Santi, Beati e Servi di Dio della Famiglia vincenziana, intercedano presso Gesù per tutti noi!

Vostro fratello in san Vincenzo,

Tomaž Mavrič, CM

[1] SV, Progetto di Regolamento per le Dame della Carità della corte, n. ed. it., XIII, p. 749.

[2] SV., Lettera a un Superiore di Seminario, n.ed.it., IV, pp. 475-476.

 

Scarica questa lettera in diverse lingue:

all-links chart

folder PDF (Box)

online list (Scribd)

عربي (PDF)

عربي (Scribd)

中国 (PDF)

中国 (Scribd)

Deutsch (PDF)

Deutsch (Scribd)

ENGLISH (PDF)

ENGLISH (Scribd)

ESPAÑOL (PDF)

ESPAÑOL (Scribd)

FRANÇAIS (PDF)

FRANÇAIS (Scribd)

ITALIANO (PDF)

ITALIANO (Scribd)

MAGYAR (PDF)

MAGYAR (Scribd)

NEDERLANDS (PDF)

NEDERLANDS (Scribd)

POLSKI (PDF)

POLSKI (Scribd)

PORTUGUÊS (PDF)

PORTUGUÊS (Scribd)

SLOVENČINA (PDF)

SLOVENČINA (Scribd)

УКРАЇНСЬКИЙ (PDF)

УКРАЇНСЬКИЙ (Scribd)

TIẾNG VIỆT (PDF)

TIẾNG VIỆT (Scribd)

Tags:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO