Rapporti accurati e il conflitto in corso in Ucraina

da | Mar 25, 2022 | Conflitto in Ucraina, Notizie sulla Famiglia Vincenziana | 0 commenti

“Quando arriva la guerra, la prima vittima è la verità”: questo detto è attribuito al senatore americano Hiram Johnson nel 1917, al culmine della prima guerra mondiale. Anni dopo, durante la seconda guerra mondiale, il britannico Winston Churchill disse che “in tempo di guerra, la verità è così preziosa che dovrebbe essere protetta dalle bugie da una guardia del corpo”. È passato un secolo da quando sono state pronunciate, e mai come oggi possiamo valutare le conseguenze che hanno, dato l’immenso progresso delle comunicazioni globali e l’accesso quasi istantaneo a dati ed eventi in qualsiasi parte del mondo.

Tali sentenze ci dicono che c’è un’area – l’informazione stessa, e l’accesso ad essa – che nessuna parte belligerante in una guerra può ignorare se vuole imporre la sua visione al suo popolo. Putin è ben consapevole di questo e, come abbiamo notato la scorsa settimana, ha tagliato la capacità del popolo russo di ottenere informazioni da fonti diverse dalle “fonti ufficiali” del Cremlino. In questo modo può imporre (o almeno tentare di imporre) la sua visione distorta del perché e del percome di questa ignominiosa invasione.

Il valore della comunicazione nel contesto dell’invasione dell’Ucraina

Evidentemente, gli immensi progressi nel campo delle comunicazioni hanno reso la situazione attuale molto diversa da quella delle due guerre mondiali del XX secolo. Allora si usavano mezzi che oggi ci sembrano arcaici (piccioni viaggiatori, telegrafi, corrieri…), mentre oggi le informazioni volano attraverso comunicazioni criptate attraverso la rete di satelliti che circondano il nostro pianeta, e grazie agli smartphone con connessione a Internet. Le informazioni che allora potevano impiegare giorni, settimane o addirittura mesi per diffondersi, oggi raggiungono qualsiasi parte del mondo in pochi secondi. Questo ha anche portato con sé dei problemi, tra i quali:

  1. le cosiddette fake news, cioè l’inondazione delle reti con informazioni false o almeno parziali al fine di distorcere l’opinione pubblica e falsare la verità; e
  2. impedire l’accesso a informazioni veritiere.

Queste due questioni sono vitali per controllare la “narrazione” dell’invasione dell’Ucraina e di tanti altri conflitti nel mondo di oggi.

Potremmo chiederci quali informazioni stiamo ricevendo, a seconda di dove viviamo:

  1. Nella stragrande maggioranza dei paesi del mondo, Internet rimane una risorsa informativa gratuita.
  2. Per quanto ne sappiamo, le persone in Ucraina sono ancora in grado di accedere a qualsiasi fonte di informazione, e il governo non sta filtrando internet per limitarne l’accesso. Questo nonostante gli attacchi alle antenne di comunicazione da parte dell’esercito russo.
  3. Il popolo russo soffre un’intensa censura delle sue fonti d’informazione. Il governo russo ha vietato non solo i media, ma anche i siti web e i social network globali su internet: il Cremlino sta cercando di nascondere ai circa 122 milioni di utenti internet russi il fatto che la guerra non è andata come previsto. Secondo l’Open Observatory on Network Interference, la Russia censura i siti web in diversi modi: rilasciando una lista di siti agli internet provider per bloccarli essi stessi, o limitando i servizi “centralmente”. Così:
    1. I social network Facebook, Instagram e LikedIn sono censurati.
    2. TikTok e Twitter hanno un accesso limitato.
    3. Qualche giorno fa abbiamo letto che anche YouTube è nell’occhio del Cremlino e molto probabilmente sarà presto censurato.
    4. WhatsApp e Telegram funzionano ancora, almeno per ora.
    5. I principali portali di notizie internazionali sono stati bloccati sul territorio russo.
    6. I media indipendenti in lingua russa (cioè non governativi), come Current Time TV, o il portale di notizie Meduza, sono stati bloccati.

Per tutti gli scopi pratici, questo significa che la stragrande maggioranza del popolo russo può conoscere la realtà dell’invasione solo attraverso i media filogovernativi, la cui visione distorta è di dominio pubblico. I cittadini onesti della Russia sono molto danneggiati da questa guerra di narrazioni. Solo una piccola frazione di russi, abbastanza informati da usare le cosiddette reti private virtuali (VPN), sono in grado di accedere a notizie che non sono in linea con l’interpretazione del Cremlino.

Potremmo dire, quindi, che c’è un’altra guerra – contro la disinformazione – che corre parallela alla guerra sul terreno, che colpisce anche milioni di persone, questa volta la popolazione russa.

Quando sentiamo che Volodymir Zelensky, il presidente ucraino, ha “vinto la battaglia della narrazione” su Putin, è, tra l’altro, perché Zelensky ha saputo usare i media, a volte in situazioni precarie, e informare il mondo intero degli eventi che stavano accadendo nel suo paese, accompagnando le sue parole con immagini e video di innegabile crudezza.


Non c’è niente di buono nell’ignoranza. Abbiamo tutti il dovere di cercare la verità, e nessun governo ha il diritto di nascondere la verità, tanto meno di impedire al suo popolo di accedervi.

I credenti, da parte nostra, devono cercare, difendere e proclamare la verità. Per questo non siamo indifferenti o neutrali, non possiamo rimanere in silenzio o cadere in una sorta di “compassion fatigue”, isolandoci nelle nostre comode bolle e ignorando fatti che – può sembrare – non ci riguardano direttamente. Ma rifletteremo su questo un altro giorno.

“Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi” (Giovanni 8:32).

Commissione per le comunicazioni della famiglia vincenziana.

Tags:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO