Data la recente situazione di violenza in Cile, la Congregazione della Missione presente nel Paese ha rilasciato una dichiarazione, che condividiamo di seguito:

I membri della Congregazione della Missione, figli di San Vincenzo de Paoli, chiamati a partecipare al processo di evangelizzazione e di servizio a favore delle persone povere ed emarginate, non possono rimanere in silenzio e passivi di fronte alla situazione di  violenza che sta  vivendo il  nostro paese, violenza che è il risultato di molti anni di ingiustizie e di disuguaglianze.

Respingiamo la violenza scatenatasi fra proteste legittime di malcontento e richieste di rispetto dei diritti delle persone per una maggiore giustizia e uguaglianza. La violenza irrazionale, che distrugge tutto e mette in pericolo l’integrità e la vita degli uomini e delle donne, è chiaramente inaccettabile. Respingiamo anche la risposta semplicistica che ciò che si sta verificando è opera  di criminali ed estremisti … ignorando così la radice e le cause di questa agitazione sociale.

La violenza non consiste  solo nelle proteste e nelle  distruzioni  che si sono verificate durante questi giorni. Violenza è anche tutto ciò che soffrono coloro che sono poveri compresi  coloro che sono considerati  come membri della classe media della società. Violenza è anche  l’aumento del prezzo dei trasporti pubblici e l’aumento dei costi del carburante e dell’elettricità. La violenza è presente nella disuguaglianza dell’accesso all’istruzione, alla sanità e ad  altri beni essenziali. La violenza è la concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi. La violenza è la mancanza di sicurezza e di protezione contro i criminali, soprattutto nei quartieri poveri. La violenza è la repressione di dimostrazioni e il trattamento denigratorio  e irrispettoso di coloro che sono poveri o che  esprimono un’opinione contraria. La violenza è anche in  quelle leggi fatte per  mantenere la situazione di disuguaglianza e che richiedono ai lavoratori di pagare imposte proporzionalmente molto più alte rispetto alle grandi  imprese o  ai membri più ricchi della società .

Pertanto,  noi siamo esprimiamo profonda solidarietà a coloro che sono stanchi di non sentire altro che cattive notizie, con coloro che continuano a ricevere salari di povertà, allo stesso tempo che il prezzo di beni di prima necessità aumenta  sempre di più e con coloro che si sentono abusati e sfruttati.  Siamo in  profonda solidarietà con coloro che alzano la voce e chiedono che i loro diritti siano rispettati.

Siamo  profondamente solidali  e uniamo le  nostre voci alle grida di coloro che sono poveri e di coloro che diventano più poveri ogni giorno che passa. Insieme a coloro che sono stati esclusi e abbandonati, chiediamo una risposta urgente, rispettosa e dignitosa alle legittime richieste. Solo il dialogo, l’ascolto rispettoso e la ricerca sincera di soluzioni ci permetteranno di superare i problemi che ci troviamo ad affrontare. L’uso della forza e della violenza esaspereranno le cose e potrebbero condurre a una  tragedia.

S. Vincenzo de Paoli ci ha insegnato che la carità non consiste  solo nell’offerta di assistenza immediata a coloro che si trovano in difficoltà ma significa anche insegnare alle persone a sostenersi e a diventare sempre più consapevoli della loro dignità. San Vincenzo ci ha anche insegnato che la carità, a volte, comporta l’affrontare i sistemi consolidati e prendere le difese delle persone  vittime di strutture ingiuste. Invochiamo  il Signore della storia, il Liberatore dei poveri, il Principe della  pace e il Dio di ogni giustizia, perché  calmi gli spiriti e ammorbidisca  i cuori di coloro che hanno il potere e i mezzi  per creare situazioni di giustizia e di uguaglianza. In questo modo, coloro che sono poveri , abbandonati ed emarginati potranno  finalmente sentire BUONE NOTIZIE. 

Congregazione della Missione
Provincia del Cile Santiago, Cile (20 ottobre 2019)
Tradotto: Suor Elisa Profico fdc
.


Tags: ,

Pin It on Pinterest

Share This