In preparazione della visita di Papa Francesco in Madagascar, che si svolgerà dal 7 al 10 settembre, vorremmo presentare un’altra delle straordinarie opere che i missionari della Congregazione della Missione stanno svolgendo: il Foyer Tanjomoha per le persone con disabilità con a capo padre Émeric Aymot d’Inville, il responsabile del progetto.

Il “Tanjomoha Residence” si trova a Vohipeno, sulla costa sudorientale del Madagascar. La sua missione è quella di accogliere la società malgascia più povera e abbandonata della periferia, aiutandola a trovare soluzioni durature alle limitazioni strazianti che non potrebbe mai sopportare da sola.

Fondata nel 1986 da padre Vicente Carme, Missionario Vincenziano, è diretta dai membri della Congregazione della Missione in stretta collaborazione con una comunità di Figlie della Carità.

I giovani con disabilità motoria erano la preoccupazione del cuore di padre Carme quando fondò la residenza Tanjomoha e oggi rimangono la priorità per coloro che gestiscono la casa. I più poveri tra i poveri non hanno alcun sostegno statale; sono un pesante fardello per le loro famiglie, spesso indigenti, che a volte li rifiutano.

A causa delle costose procedure, dell’istruzione speciale e dell’uso di attrezzature ortopediche specifiche, i genitori non possono fornire cure mediche ai loro figli disabili.

Inoltre, le famiglie non li mandano a scuola, così i giovani con disabilità rimangono a casa, senza fare nulla.

La casa esiste per soddisfare i loro bisogni fondamentali, offrendo a questi giovani un trattamento della loro disabilità che sia il più efficiente possibile e un’educazione adeguata alle loro capacità, il tutto per aiutarli a condurre una vita il più indipendente possibile.

Tutto ciò grazie a studi seri e adeguati:“È attraverso l’educazione – ha detto don Carme – che possiamo offrire un lavoro ai giovani con disabilità, una migliore integrazione sociale e una vita familiare soddisfacente.

Troviamo, quindi, nella Casa:

Un corso di alfabetizzazione per chi non sa né leggere né scrivere, condotto spesso dalle stesse persone disabili;

Una scuola di cucito e ricamo, programma “Scuola per casalingje”: gestito da una suora e assistito da quattro insegnanti. Questa attività scolastica è pensata per le ragazze, ma è aperta anche ai bambini interessati. Dopo la laurea, ognuno riceve in regalo una macchina da cucire, per permettere loro di integrarsi nel mondo del lavoro;

–  Un laboratorio di falegnameria: c’è un settore aperto ai bambini disabili che hanno abbastanza forza nelle braccia e hanno almeno una gamba buona, perché questo lavoro richiede un equilibrio abbastanza buono e maggiore forza fisica. Gli studenti imparano a realizzare tutti i tipi di mobili, dagli sgabelli reclinabili alle sedie, letti, armadi, porte a pannello, banchi di scuola, finestre, ecc. Anche in questo caso la pratica è di particolare importanza. La classe è composta da una media minima di 12 studenti. Quando se ne vanno ricevono una cassetta degli attrezzi ben fornita per poter lavorare e guadagnarsi da vivere insieme al diploma.

La Residenza offre anche ai giovani l’opportunità di continuare gli studi secondari e li invia al Collegio Sainte Geneviève, gestito dalle Figlie della Carità, dove si preparano per la BEPC o BAC. Sono anche aiutati a inserirsi nell’istruzione superiore, nell’amministrazione, nell’insegnamento delle lingue o dell’elettronica o come paramedici. Un esempio è quello di Julien, che è arrivato fino al dottorato in amministrazione.

Riteniamo che le conoscenze pratiche e l’approccio concreto dell’Istituto offrano migliori opportunità di trovare lavoro. Per questo, alla fine del 2013, con il sostegno dei nostri superiori, del Visitatore della Provincia e del Vescovo, è stata creata una formazione biennale di tipo BTS denominata ESIGAT (Scuola di Informatica e Gestione Applicata di Tanjomoha). Principalmente, questo istituto accoglie laureati disabili e giovani con disabilità provenienti da altre case, Deguise e De Carme.

Attualmente il trattamento della disabilità è parte integrante del progetto “Tanjomoha Residence”. È una delle due componenti essenziali, insieme agli studi. Il suo obiettivo è quello di offrire ai giovani disabili la massima autonomia fisica possibile.

Ci sono diversi mezzi a disposizione di questi giovani:

  • Test ortopedici: eseguiti ogni anno a giugno da un team di medici, fisioterapisti e ortopedici dell’Antsirabe CRMM;
  • Riabilitazione: il trattamento della disabilità consiste principalmente nella riabilitazione e nell’uso di attrezzature ortopediche. I giovani disabili che studiano a casa devono fare un’ora di riabilitazione al giorno sotto la direzione di Suor Honorine, con la collaborazione di due assistenti;
  • Riparazione di calzature ortopediche: pur lavorando tradizionalmente solo con cuoio e ferro, nel settembre 2016 hanno iniziato a produrre protesi con punte e leve in plastica, grazie al supporto tecnico di uno specialista spagnolo che ci fornisce anche tutti i materiali e componenti necessari (tubi progettati, piedi protesici, resina e altri materiali necessari).

Sostegno ad altri tipi di disabilità:

– Insegnamento per non vedenti e ipovedenti: studi a domicilio per giovani non vedenti e ipovedenti nelle scuole specializzate di Farafangana, in un’ex istituzione gestita da protestanti luterani, e più recentemente a Fianarantsoa, nella Scuola Ephata, gestita dalle Suore di Maria Immacolata.

– Insegnamento per sordomuto e persone con problemi uditivi: La Residenza offre anche studi per 25 sordomuti e persone con disabilità uditive in una scuola specializzata di Antsirabe, gestita da luterani protestanti, pionieri in questo settore.

– Educazione per giovani con disturbi mentali: la casa aiuta una decina di bambini e giovani con problemi mentali a studiare in una scuola specializzata a Manakara, il CES, che è un ramo del Collegio della Presentazione di Maria, gestito dalle Figlie della Carità.

Infine, oltre agli studi di cui sopra, il progetto educativo della Residenza Tanjomoha prevede anche l’educazione morale e un piano di formazione spirituale.

Il “Tanjomoha Residence” si trova a Vohipeno, sulla costa sudorientale del Madagascar. La sua missione è quella di accogliere la società malgascia più povera e abbandonata della periferia, aiutandola a trovare soluzioni durature alle limitazioni strazianti che non potrebbe mai sopportare da sola.

Fondata nel 1986 da padre Vicente Carme, Missionario Vincenziano, è diretta dai membri della Congregazione della Missione in stretta collaborazione con una comunità di Figlie della Carità.

I giovani con disabilità motoria erano la preoccupazione del cuore di padre Carme quando fondò la residenza Tanjomoha e oggi rimangono la priorità per coloro che gestiscono la casa. I più poveri tra i poveri non hanno alcun sostegno statale; sono un pesante fardello per le loro famiglie, spesso indigenti, che a volte li rifiutano.

A causa delle costose procedure, dell’istruzione speciale e dell’uso di attrezzature ortopediche specifiche, i genitori non possono fornire cure mediche ai loro figli disabili.

Inoltre, le famiglie non li mandano a scuola, così i giovani con disabilità rimangono a casa, senza fare nulla.

La casa esiste per soddisfare i loro bisogni fondamentali, offrendo a questi giovani un trattamento della loro disabilità che sia il più efficiente possibile e un’educazione adeguata alle loro capacità, il tutto per aiutarli a condurre una vita il più indipendente possibile.

Tutto ciò grazie a studi seri e adeguati:“È attraverso l’educazione – ha detto don Carme – che possiamo offrire un lavoro ai giovani con disabilità, una migliore integrazione sociale e una vita familiare soddisfacente.

Troviamo, quindi, nella Casa:

Un corso di alfabetizzazione per chi non sa né leggere né scrivere, condotto spesso dalle stesse persone disabili;

Una scuola di cucito e ricamo, programma “Scuola per casalingje”: gestito da una suora e assistito da quattro insegnanti. Questa attività scolastica è pensata per le ragazze, ma è aperta anche ai bambini interessati. Dopo la laurea, ognuno riceve in regalo una macchina da cucire, per permettere loro di integrarsi nel mondo del lavoro;

–  Un laboratorio di falegnameria: c’è un settore aperto ai bambini disabili che hanno abbastanza forza nelle braccia e hanno almeno una gamba buona, perché questo lavoro richiede un equilibrio abbastanza buono e maggiore forza fisica. Gli studenti imparano a realizzare tutti i tipi di mobili, dagli sgabelli reclinabili alle sedie, letti, armadi, porte a pannello, banchi di scuola, finestre, ecc. Anche in questo caso la pratica è di particolare importanza. La classe è composta da una media minima di 12 studenti. Quando se ne vanno ricevono una cassetta degli attrezzi ben fornita per poter lavorare e guadagnarsi da vivere insieme al diploma.

La Residenza offre anche ai giovani l’opportunità di continuare gli studi secondari e li invia al Collegio Sainte Geneviève, gestito dalle Figlie della Carità, dove si preparano per la BEPC o BAC. Sono anche aiutati a inserirsi nell’istruzione superiore, nell’amministrazione, nell’insegnamento delle lingue o dell’elettronica o come paramedici. Un esempio è quello di Julien, che è arrivato fino al dottorato in amministrazione.

Riteniamo che le conoscenze pratiche e l’approccio concreto dell’Istituto offrano migliori opportunità di trovare lavoro. Per questo, alla fine del 2013, con il sostegno dei nostri superiori, del Visitatore della Provincia e del Vescovo, è stata creata una formazione biennale di tipo BTS denominata ESIGAT (Scuola di Informatica e Gestione Applicata di Tanjomoha). Principalmente, questo istituto accoglie laureati disabili e giovani con disabilità provenienti da altre case, Deguise e De Carme.

Attualmente il trattamento della disabilità è parte integrante del progetto “Tanjomoha Residence”. È una delle due componenti essenziali, insieme agli studi. Il suo obiettivo è quello di offrire ai giovani disabili la massima autonomia fisica possibile.

Ci sono diversi mezzi a disposizione di questi giovani:

  • Test ortopedici: eseguiti ogni anno a giugno da un team di medici, fisioterapisti e ortopedici dell’Antsirabe CRMM;
  • Riabilitazione: il trattamento della disabilità consiste principalmente nella riabilitazione e nell’uso di attrezzature ortopediche. I giovani disabili che studiano a casa devono fare un’ora di riabilitazione al giorno sotto la direzione di Suor Honorine, con la collaborazione di due assistenti;
  • Riparazione di calzature ortopediche: pur lavorando tradizionalmente solo con cuoio e ferro, nel settembre 2016 hanno iniziato a produrre protesi con punte e leve in plastica, grazie al supporto tecnico di uno specialista spagnolo che ci fornisce anche tutti i materiali e componenti necessari (tubi progettati, piedi protesici, resina e altri materiali necessari).

Sostegno ad altri tipi di disabilità:

– Insegnamento per non vedenti e ipovedenti: studi a domicilio per giovani non vedenti e ipovedenti nelle scuole specializzate di Farafangana, in un’ex istituzione gestita da protestanti luterani, e più recentemente a Fianarantsoa, nella Scuola Ephata, gestita dalle Suore di Maria Immacolata.

– Insegnamento per sordomuto e persone con problemi uditivi: La Residenza offre anche studi per 25 sordomuti e persone con disabilità uditive in una scuola specializzata di Antsirabe, gestita da luterani protestanti, pionieri in questo settore.

– Educazione per giovani con disturbi mentali: la casa aiuta una decina di bambini e giovani con problemi mentali a studiare in una scuola specializzata a Manakara, il CES, che è un ramo del Collegio della Presentazione di Maria, gestito dalle Figlie della Carità.

Infine, oltre agli studi di cui sopra, il progetto educativo della Residenza Tanjomoha prevede anche l’educazione morale e un piano di formazione spirituale.

Emeric Amyot d’Inville
Dario Jean, CM
Provincia de Madagascar
Fonte: https://cmglobal.org/

Pin It on Pinterest

Share This