I ‘nZuddi sono dei biscotti siciliani, che nel catanese, vengono preparati tradizionalmente in occasione della Commemorazione dei defunti e della festività Ognissanti. Sono dei biscotti piuttosto morbidi e dalla consistenza leggermente “gommosa”, ma è proprio questa la loro caratteristica principale.
I ‘nZuddi anticamente venivano preparati dalle Suore Vincenziane di Catania e infatti prendono il loro nome da Vincenzo ( ‘nZuddu è il diminuitivo di Vincenzo, nel dialetto siciliano).

'nZuddi, ricetta, cucina preDiletta

RICETTA ‘NZUDDI

Ingredienti

Per l ‘impasto:

  • farina tipo 00, g 500
  • zucchero, g 450
  • miele, g 5
  • mandorle sgusciate, g 50
  • scorzette di arance candite, 1/2 cucchiaio
  • ammoniaca per dolci, g 5
  • lievito per dolci, 1 cucchiaino (tipo bertolini o paneaneli)
  • cannella in polvere, 1 pizzico
  • latte, q.b.
  • sale, 1 pizzico

Per decorare:

  • mandorle sgusciate, q.b.

Preparazione

Per realizzare i biscotti ‘nZuddi tostate leggermente, nel forno caldo, 50 g di mandorle. Lasciatele raffreddare, poi tritatele (io le metto in una bustina e le pesto con il batticarne).

Utilizzando un coltello tritate finemente le scorzette di arance candite.

Accendete il forno a 180°.

Rivestite la placca del forno con carta forno, oppure imburratela e infarinatela.

In una terrina capiente, versare la farina, lo zucchero, il miele, le mandorle tritate, le scorzette tritate, l’ammoniaca, il lievito per dolci, la cannella e 1 pizzico di sale. Impastare il tutto con il latte, fino ad ottenere un impasto molto soffice.

Nella placca del forno che avete preparato formare tanti biscotti, dandogli una forma rotonda (io utilizzo una sach a poche senza beccuccio). Adagiate su ogni biscotto una mandorla intera.

Cuocete i ‘nZuddi nel forno già caldo a 180° per 10 – 15 minuti, fino a quando avranno assunto un colore leggermente dorato.

Lasciate raffreddare i ‘nZuddi prima di rimuoverli dalla placca del forno.

Questi biscotti si conservano per alcuni giorni chiusi in un contenitore, preferibilmente di latta.


Tags: