Terza domenica di Pasqua B

da | Apr 21, 2012 | La Parola per la Chiesa | 0 commenti

Terza domenica di Pasqua B

Di p. Giorgio Bontempi c.m.

Atti 3,13 – 15.17 – 19

Dal Salmo 4

1 Giovanni 2,1 – 5a

Luca 24,35 – 48

 

 

Lectio

Ricordiamo che i vangeli non ci offrono indicazioni su come è avvenuta la risurrezione del Signore. Premesso questo possiamo iniziare la lectio sulle lettura di questa domenica.

 

Luca presenta la persona di Gesù: il Risorto è la stessa persona del crocifisso. Questo perché i suoi contemporanei, specialmente coloro che provenivano dal paganesimo, non confondessero il Risorto con uno dei tanti dei che, secondo la credenza, greco – romana, popolavano l’Olimpo. Ecco perché scrive che il Risorto mostra le mani e il costato alla comunità dei discepoli. Inoltre, il Risorto “mangia”, si tratta del corpo glorioso, quel corpo che di cui noi ci nutriamo quando celebriamo l’eucaristia. È lo stesso Signore di cui hanno parlato i profeti e di cui ascoltiamo la Parola. (cfr. vangelo)

È lo stesso Signore che la Chiesa di tutti i tempi predicherà senza paura e senza compromessi, non ostante le proprie fragilità, perché composta di uomini, soggetti all’errore e al peccato.(cfr. prima lettura).

La Chiesa annuncia che Dio è amore, che Dio è Padre, che Dio ama gli uomini e che, per incontrarlo è necessario servire il nostro prossimo, per essere coerenti e testimoni di questo amore infinito (2 lettura).

 

 

 

Meditatio

Anche noi, cristiani del XXI secolo, possiamo incontrare il Risorto, come lo hanno incontrato i primi discepoli, dopo la sua risurrezione. Altrimenti come potremmo affermare di credere in Lui? La fede è un’esperienza, non è un “fidarsi” che quello che ci è stato tramandato sia vero: questa non è fede. Anche coloro che costituiscono per noi dei punti di riferimento nella nostra vita cristiana: quelli che chiamiamo solitamente “santi”, anche loro hanno incontrato il Risorto, anche per loro la fede è stata un’esperienza, altrimenti non avrebbero potuto essere tali.

 

Luca ci dice: “vuoi incontrare il Risorto? Riunisciti con i fratelli nel giorno del Signore e ascolta con loro la Parola; spezza con loro il Pane e cibatene.

 

Vivi durante la settimana quello che hai celebrato nel giorno del Signore, annunciando con la vita che il Signore è risorto: occupandoti dei fratelli, specialmente quelli più bisognosi; quelli che soffrono ingiustizia; che sono angariati dai potenti; che sono vessati, insultati, derisi.

 

Appoggia coloro che combattono la “buona battaglia”, per smascherare la menzogna. Questo è osservare “i suoi comandamenti” ed essere nella luce. Così si ha l’esperienza della fede che nessuna ci potrà togliere.

 

Questo perché il cristianesimo non è una religione da viversi “privatamente”, come desidererebbero molti nella nostra società, per anestetizzare la predicazione del vangelo. Il cristianesimo è un modo di vivere, che si esprime all’interno di una comunità, che è la Chiesa e che influisce su ogni scelta che la persona compie nella propria vita.

 

Cristo è veramente risorto. Alleluja!

 

Buona domenica.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO