Una goccia di aiuto nel mare dei bisogni dei rifugiati dall’Ucraina

da | Mar 30, 2022 | Conflitto in Ucraina, Notizie sulla Famiglia Vincenziana | 0 commenti

Come Figlie della Carità, dal primo giorno dello scoppio della guerra, noi “corriamo verso chi è nel bisogno come verso un incendio.” Preghiamo per la fine della guerra, nelle nostre case accogliamo le famiglie, ci prendiamo cura delle madri con i bambini, degli anziani e delle persone con disabilità; facciamo il servizio di traduttori. In collaborazione con varie organizzazioni, provvediamo al loro sostentamento e acquistiamo vestiti, calzature, prodotti per la pulizia, persino giocattoli per i bambini. Siamo alla ricerca di posti di lavoro per loro e di scuole per i loro figli. In caso di malattia, organizziamo visite mediche e cure …

Chi sono queste persone che hanno ricevuto il nostro aiuto finora? Ecco alcune delle loro brevi ma tragiche storie:

  • I loro amici, vedendo la difficile situazione della madre paralizzata che è vedova con una ragazzina di dodici anni, hanno fatto di tutto per metterle su un treno che le portasse via dalla città bombardata di Kharkiv. La nonna le ha accompagnate nel lungo viaggio verso la Polonia, prima in treno e poi in autobus. Tuttavia, sono tutti preoccupati per il figlio della donna (il fratello della ragazzina che è anche il nipote della nonna) che è stato lasciato indietro perché non ha potuto ottenere i documenti prima dello scoppio della guerra. Non è riuscito a trovare il tempo per richiedere i documenti di uscita, dato che era l’unico a prendersi cura della madre paralizzata e della sorellina.
  • Una coppia con quattro figli, in fuga dalla guerra, è arrivata nelle vicinanze di Varsavia con un’autovettura che, purtroppo, è stata investita da un grosso camion. La loro auto è stata completamente distrutta, ma la famiglia, miracolosamente, non ha subito alcun danno. Quando una Suora ha chiesto loro di che cosa avessero più bisogno in quel momento, il padre ha risposto: «di unirci a voi nel ringraziare Dio per aver salvato la nostra famiglia».
  • Abbiamo accolto una famiglia con due bambini che è arrivata in treno durante la notte. Dopo due giorni di riposo, hanno deciso di andare in un altro paese. Hanno ricevuto i biglietti gratuiti alla stazione e sono partiti. Dopo due giorni, ci hanno chiamato per dirci che nessuno voleva accoglierli e che stavano ritornando in Polonia; hanno chiesto di nuovo ospitalità nella nostra casa. La registrazione elettronica dei rifugiati è iniziata oggi; sono già registrati.
  •  In una delle nostre case accogliamo madri con bambini piccoli. Seguiamo attentamente le ultime normative riguardanti la legalizzazione del loro soggiorno nel paese e li incontriamo per dare loro aggiornamenti e altre informazioni. Alla fine di uno di questi incontri, una Suora ha chiesto quali fossero i loro bisogni più urgenti. Una giovane donna che cullava il suo bambino tra le braccia ha risposto con le lacrime agli occhi: «Abbiamo bisogno solo di una cosa: tornare alle nostre case, dai nostri mariti e padri».

Fonte: https://www.filles-de-la-charite.org/

Tags:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO