Una lettera dall’Ucraina sulla situazione dei Padri Vincenziani

da | Mar 7, 2022 | Conflitto in Ucraina, Notizie sulla Famiglia Vincenziana | 0 commenti

Dal 24 febbraio 2022 in Ucraina c’è la guerra. Il paese è continuamente attaccato e devastato dall’aggressore: le truppe della Federazione Russa. Città, strade, infrastrutture sono distrutte. Ci sono esplosioni e bombardamenti quasi costanti. Decine, centinaia di civili innocenti vengono uccisi. Quasi un milione e mezzo di persone sono fuggite nei paesi vicini, più di un milione solo in Polonia. Stiamo assistendo a un enorme disastro umanitario.

Fin dai primi momenti dell’aggressione russa, i nostri pensieri e le nostre preghiere si sono rivolti ai nostri fratelli e sorelle in Ucraina. Sempre più membri della Famiglia Vincenziana in tutto il mondo ci chiamano, ci scrivono e ci contattano per sapere qualcosa sul destino della Famiglia Vincenziana in Ucraina.
Ora pubblichiamo una lettera di padre Jan Trzop CM, l’ex provinciale della Viceprovincia di San Cirillo e Metodio, che da molti anni lavora in Ucraina, in cui descrive nel modo più accurato possibile la situazione in tutte le comunità vincenziane in Ucraina. Nota: abbiamo nascosto tutti i nomi e cognomi completi nel testo per motivi di sicurezza.

Si stanno raccogliendo altre informazioni sulla situazione delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli che operano in Ucraina. Li trasmetteremo immediatamente.

per gentile concessione di p. Jan, Facebook

Sniatyn, Ucraina, 4 marzo 2022

Saluti e benedizioni!

Vorrei scrivere alcune parole sulla situazione nella nostra Vice-Provincia dei Santi Cirillo e Metodio in Ucraina ad oggi, cioè venerdì 4 marzo 2022. Molti di voi stanno scrivendo e telefonando. Grazie per il ricordo, la preghiera e la solidarietà. Grazie per il vostro sostegno e la vostra disponibilità a mostrarci sostegno, qui in Ucraina e ai rifugiati che vengono in Polonia. Voglio dire che sono in contatto permanente con l’amministrazione della Provincia di Polonia.

Sulla situazione nelle nostre comunità della vice-provincia. La situazione peggiore è a Kharkiv. Gli edifici nelle vicinanze della chiesa e della nostra casa sono completamente demoliti dai bombardamenti e dalle esplosioni. Grazie a Dio la nostra chiesa e la nostra casa sono rimaste intatte finora. Praticamente fin dall’inizio della guerra i preti ei parrocchiani stavano nel seminterrato della nostra casa. Lì hanno trovato rifugio circa 160 persone. Sono stati praticamente sotto continui bombardamenti ed esplosioni. Molte case nei pressi della chiesa sono state completamente demolite. I nostri sacerdoti provenienti dalla Provincia della Nigeria e dell’India sono partiti proprio all’inizio dei combattimenti. Ieri, 3 marzo 2022, p. Y.S e il resto dei parrocchiani che si rifugiavano nella nostra casa hanno lasciato Kharkiv. Si stanno dirigendo verso l’Ucraina occidentale. Molti di loro stanno andando nelle nostre case a Sniatyn e Storozhynets, e alcuni a Perechyn in Transcarpazia. Era impossibile rimanere più a lungo a Kharkiv. La città è gravemente devastata. Gli amici che sono rimasti e non hanno l’opportunità di evacuare da Kharkiv sono estremamente esausti, spaventati. Non hanno speranza.

Odessa. I Padri V.N. e AT stavano lì. I centri di riabilitazione per tossicodipendenti “Comunità in dialogo” che gestiamo a Buldynka per gli uomini e Wizyrka per le donne sono stati evacuati e condotti a Sniatyn. Alcuni dei protetti sono entrati nelle loro case. Altri si arruolarono nell’esercito. Dodici persone sono rimaste lì e sono impegnate nel servizio di volontariato, nella distribuzione di aiuti umanitari dall’Ucraina occidentale a Odessa e nel portare le persone al confine. Allo stesso modo, p. V.N. si occupa di ricevere e distribuire gli aiuti umanitari organizzati dall’organizzazione Depaul International [in questi giorni è arrivato un trasporto di doni coordinato da DePaul Slovacchia, in arrivo un analogo trasporto organizzato dalla Provincia italiana della Congregazione della Missione, che sta lasciando Roma – ndr]. FR. A. si trova nel villaggio di Fontanka. Rimane con i parrocchiani e cura tutti i nostri progetti. A Buldynka ci sono alcuni residenti che si prendono cura della fattoria. Il centro di accoglienza della  Depaul Ukraine di Odessa, che ospita e si prende cura delle persone senza dimora, continua il suo lavoro, distribuendo pasti, curando i feriti e dando riparo ai senzatetto.

Kyiv, dove si trova la casa provinciale “Dono di Dio”, il seminario e la sede di altre organizzazioni appartenenti alla Famiglia Vincenziana, è costantemente sotto tiro. La città è minacciata d’assedio. FR. M.T., soggiornano nella nostra casa a Kiev. Ci sono anche altre persone legate alla nostra casa di comunità e alle attività della Famiglia Vincenziana che hanno trovato rifugio nella casa. Il quartiere della casa è costantemente minacciato e bombardato. FR. OS, che è disabile e si sposta su una sedia a rotelle, è stato portato a Storozhynets, nella sua casa di famiglia dove vive sua madre. Il nostro seminarista P.M. lo ha accompagnato ed è rimasto a Storozhynets, aiutando i sacerdoti della parrocchia e aiutando a prendersi cura di p. OS. P. JM ha attualmente lasciato Kiev per l’Ucraina occidentale.

Le nostre case nell’Ucraina occidentale sono diventate rifugi per i rifugiati dell’Ucraina orientale e centrale. Le persone sono costantemente in movimento e cercano riparo.

FR. VZ, p. JV e p. SP soggiornano nella casa di Storozhynets. Accolgono i rifugiati nella mensa dei poveri, che hanno predisposto a questo scopo. Forniscono ai parrocchiani cure pastorali e materiali secondo le loro esigenze.

Perechyn. FR. VK p. TW e p. YH stanno lì. Come a Storozhynets, sono coinvolti nell’accoglienza dei rifugiati e nell’assistenza pastorale e umanitaria ai parrocchiani.

Dovhom è una parrocchia della Transcarpazia, che il vescovo locale ha affidato temporaneamente alle nostre cure per mancanza di sacerdoti. FR. AJ è di stanza lì. La situazione è simile a quella di Perechyn e Storozhynets.

Lviv – il nostro Superiore Provinciale, padre L.K. è lì. È impegnato con il Comitato di emergenza dell’arcidiocesi cattolica romana di Leopoli e la Caritas nell’organizzazione di tutti gli aiuti umanitari in tutta l’Ucraina

P. J.T e P. S.I. soggiornano a Sniatyn. Qui ospitiamo anche i rifugiati nella nostra casa. La comunità “Comunità in dialogo” evacuata da Odessa è sotto la nostra cura. Ci prendiamo cura anche dei nostri parrocchiani.

Come in tutte le nostre case abbiamo gli occhi ben aperti. Per quanto possiamo, cerchiamo di supportare, aiutare, organizzare qualsiasi tipo di assistenza. Certo, in tutte le nostre case non ci limitiamo ad aiutare i nostri parrocchiani. Collaboriamo con istituzioni ecclesiastiche, statali e militari in materia di sicurezza e assistenza.

Chiediamo le vostre preghiere,

Fraternamente, p. Jan Trzop CM.

Santo Dio, Santo Potente, Santo e Immortale abbi pietà di noi… Dalla fame, dal fuoco e dalla guerra Liberaci, o Signore!

Tags:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO