Breve bilancio del Finding Vince 400

da | Ott 23, 2018 | Notizie sulla Famiglia Vincenziana | 1 commento

Il Festival del cinema “Finding Vince 400” è finito. Da un primo bilancio si può dire che è stato un festival cinematografico molto speciale perché sono state proiettate opere che aiutano ad agire contro la povertà. Tra i suoi padrini attori come Clarence Gilyard, da “The Crystal Jungle”; Assumpta Serna, da “Falcon Crest” e Sheree J. Wilson, da “Dallas”.

GIURISDI J. WILSON – attrice

“Con il cinema, offri contenuti che ispirano le persone, le fanno sentire, pensano e apprendono qualcosa sulle altre persone, su aree totalmente diverse; racconti storie convincenti, porti luce in quegli spazi oscuri … Ecco perché penso che sia uno dei migliori strumenti al mondo. ”

ASSUMPTA SERNA – Protagonista, “Red de libertad”

L’attrice spagnola accompagna la squadra del film “Red de Libertad”, uno dei più attesi del festival. È la storia di come suor Helena Studler ha progettato una rete clandestina che ha permesso la fuga di centinaia di prigionieri dai campi di concentramento nazisti. “Adoro i film in cui, come questo, come” Red de Libertad “, in cui vengono dati esempi di vita, dove le persone che ci sono, che vogliono dire questo, vogliono anche cambiare il mondo, come lei, come una suora,  Elena Studler. Quindi penso che anche il cinema serva … per cambiare il mondo. ”

PABLO MORENO Direttore, “Rete della libertà”

“Red de libertad ha funzionato molto bene nei festival, abbiamo già passato una quindicina di festival, abbiamo già più di dieci premi internazionali, ed essere qui è motivo di orgoglio. Ho rappresentato una squadra di ottanta e più persone che hanno reso possibile questo sogno “.

Il Festival

Il festival è iniziato con una tavola rotonda in cui gli organizzatori hanno illustrato il progetto. Hanno selezionato 90 opere tra 4000 candidati, per proiettarle a Roma e Castel Gandolfo per quattro giorni. Grazie a loro, il pubblico ha affrontato situazioni di povertà molto diverse e si è interrogato a riguardo. “Sono oltre 400 anni dalla Fondazione di questa Famiglia spirituale attenta alle questioni della povertà. Qui abbiamo visto come il gruppo affronta questi temi “.

“Non appaiono sui cartelloni dei cinema e non possono essere visti ovunque, ma solo in questi festival o nei cinema più piccoli … Sono interessanti e possono farci imparare molto”

È solo la prima edizione del festival. Un sogno che è iniziato su un ottimo piano e potrebbe continuare in futuro.

1 commento

  1. Suor Adele Capurro FdC

    Personalmente ho sempre creduto nel cinema. Ha una forte valenza per l’attenzione, forse anche maggiore rispetto ad altri mezzi di divulgazione. Fa interrogare anche gli attori e invita al cambiamento. Il messaggio viene trasmesso anche ai sordi. Nella mia vita ho visto pochi film, ma hanno inciso molto nella conoscenza e nella ricerca di Gesù e nella scelta di vita che ho fatto. La maggior parte li ho visti da piccola, forse da sei anni in poi al cinema parrocchiale. Sono contenta nella scelta da parte della C.M di usare questo mezzo per diffondere il messaggio della “Carita”. Grazie infinite e buon proseguimento.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO