Cosa ne pensi quando leggi la parola “Sostenibilità?”.

 

 

Forse pensi ai pannelli solari, o case fatte di materiali riciclati? Forse pensi ai programmi di sostegno delle organizzazioni o attività che catturano il tuo tempo e attenzione? Negli ultimi cinque anni circa, “sostenibilità” è diventata una parola d’ordine anche nel settore non profit.

La carità è dura. Abbiamo tutti sentito parlare dei pericoli della “carità tossica”, quando le organizzazioni non profit ben intenzionate finiscono per implementare iniziative che involontariamente perpetuano, o addirittura esacerbano, l’ineguaglianza. Può essere davvero difficile evitare di partecipare alla carità tossica perché la nostra cultura è ricca di idee veramente malsane sulla povertà e sul ruolo che noi, gente ben intenzionata e privilegiata, gioca nel mantenere gli squilibri di potere che guidano la povertà nella nostra comunità e nel nostro mondo.

La tentazione di buttare i soldi per risolvere alcune situazioni, senza effettivamente affrontare le cause profonde della povertà può essere forte, specialmente in organizzazioni non profit di grandi dimensioni, ben finanziate come la San Vincenzo. Quindi, come evitare di partecipare alla carità tossica? Come invitiamo le persone fragili a condurre la conversazione sul superamento della povertà?

Credo che nella San Vincenzo de’ Paoli, ci stiamo davvero sforzando di fare opere di carità giuste. A volte può essere difficile; il cambiamento è lento e difficile, e abbiamo una lunga storia, nel nostro paese, di carità tossica  da superare. Anche se abbiamo ancora molto lavoro da fare, mi dà tanta gioia vedere le iniziative di potenziamento che stanno spuntando in tutta l’organizzazione.

Una delle iniziative sostenibili che preferisco è un programma artistico sviluppato da Renée Yates, Program-Manager presso Roberts Hall. Roberts Hall offre alloggi a lungo termine per le donne la cui disabilità impedisce di vivere in modo indipendente. Renée ha iniziato il programma per aiutare le donne a “sentirsi autorizzate e prendere possesso della loro comunità”. Questo è particolarmente importante in un programma come Roberts Hall, in cui i residenti possono vivere per anni o addirittura decenni. Mantenere il morale nella vita degli “assistiti a lungo termine” può essere una sfida, in quanto vi è una tendenza per i residenti a sviluppare sentimenti di inutilità o la convinzione di non essere in grado di contribuire alla propria comunità. Le lezioni di arte danno a ogni donna la possibilità di mettere in luce le proprie peculiari abilità e di impegnarsi con la sua comunità. La cosa fantastica, è che è gestita dai residenti per i residenti e richiede poca assistenza da parte della comunità per il mantenimento.

Nel Family Success Center, ci impegniamo anche per la sostenibilità nei nostri programmi. I membri di VISTA Jessie, Chris e io abbiamo lavorato duramente per coinvolgere le organizzazioni e le persone locali per creare connessioni che, si spera, si sviluppino in partnership a lungo termine. Siamo davvero entusiasti di iniziare una nuova classe e studio di registrazione in ottobre, che fornirà agli studenti l’opportunità di studiare uno strumento musicale e sviluppare abilità di lavoro di gruppo mentre imparano a suonare insieme. Amiamo il potenziale che la sala di registrazione ha come programma sostenibile. Una volta che il costo iniziale degli strumenti di acquisto e delle forniture è soddisfatto, potrebbe essere facilmente mantenuto dalla comunità a tempo indeterminato.

La nostra speranza è che, a poco a poco, saremo in grado di consentire ai genitori di assumere ruoli più attivi nel Family Success Center. Un giorno, se stiamo facendo bene il nostro lavoro, il Family Success Center sarà in grado di funzionare con un piccolo aiuto esterno alla comunità. Dopotutto, quale modo migliore c’è di porre fine alla povertà sistematica, se non rafforzando le peculiarità delle persone consentendo loro di abbattere le proprie barriere?

I progressi vengono fatti ogni giorno e non vedo l’ora di dirvi di più sul viaggio della San Vincenzo de ‘Paoli verso la sostenibilità.

Fonte: svdpvistablog                                                                                                                                         Il mio nome è Mallory e sto prestando servizio come Americorps VISTA (Volontario in servizio in America) alla San Vincenzo di Louisville, KY. Quest’anno lavorerò al team di marketing e comunicazione per il Family Success Center. È un mix davvero fantastico perché posso aiutare i ragazzi facendo cose che mi piacciono; ad esempio, scattare foto e fare blog. Ho finito il mio corso di laurea in musica e pre-med. Nel mio tempo libero mi diverto a suonare il violino, dipingere e guardare Netflix con il mio gatto, Paganini.

Tags: ,

Pin It on Pinterest

Share This