ultime notizie su COVID-19

Omelia del Superiore Generale durante la Celebrazione del 400° Anniversario in Polonia

da | Set 26, 2017 | Notizie sulla Famiglia Vincenziana, Uncategorized | 0 commenti

P. Tomaž Mavrič, Superiore Generale della Congregazione della Missione, ha partecipato alle liturgie del 400 ° anniversario del carisma vincenziano in Polonia che si sono celebrate nella Basilica di San Vincenzo de Paul a Bydgoszcz dal venerdì alla domenica 22-24 settembre. Durante l’Eucaristia presieduta dal Reverendo Jan Tyrawa, vescovo di Bydgoszcz,  P. Tomaž ha tenuto l’omelia. Qui ne condividiamo il testo completo.

Come sapete bene, quest’anno la Chiesa celebra il 400 ° anniversario del carisma vincenziano. Abbiamo iniziato la celebrazione in gennaio, in modo speciale il 25, con il pellegrinaggio del cuore di San Vincenzo a Folleville, dove quattro secoli prima aveva predicato il primo sermone della missione. Negli ultimi nove mesi, in molte delle nostre province e nelle nostre missioni ci sono stati festeggiamenti per celebrare questo evento. La vostra festa qui in Polonia fa parte di questi.

In quel villaggio di Folleville, Vincenzo de’ Paoli ha avuto la prima di due esperienze che gli cambiano la vita, quando ha conosciuto la povertà spirituale del popolo della campagna. La seconda esperienza è venuta qualche mese dopo, nella città di Châtillon, dove si è confrontato con la povertà materiale. Questi eventi hanno portato una conversione personale, perché egli capì che Gesù lo chiamava a rinunciare alla sua vita per il servizio dei poveri. In risposta a questa chiamata, Vincenzo cominciò a rispondere alle urgenti esigenze che scoprì. La sua vicinanza è stata alla persona nel suo complesso, cercando di aiutare in modo totale quelli che sono ai margini della società. Ha cominciato dove le povertà erano più pressanti: spirituali, emotive, fisiche e materiali, come gli sembravano nelle varie situazioni concrete.

Il piccolo seme di senape, piantato nel 1617, oggi è cresciuto in un grande albero che chiamiamo la Famiglia Vincenziana. È composto da associazioni laiche di uomini e donne, così come le Congregazioni di vita consacrata femminili e maschili. Ha oltre 200 sedi con circa due milioni di membri ed è presente in 150 paesi.

Oggi mi rivolgo a voi che siete parte di alcuni rami, così come ad altri che, ispirati all’esempio di San Vincenzo de Paoli, si dedicano al servizio dei poveri. Spero che questo 400 ° anniversario del carisma vincenziano, che celebra il nostro servizio a tutti coloro che vivono ai margini della società, nelle periferie, incoraggerà molte altre persone, in particolare giovani e donne, a rinunciare alla vita per aiutare i fratelli e le sorelle meno fortunati.

Gesù mette i poveri al centro della sua missione, al centro del suo piano di evangelizzazione, al centro del Regno. Vincenzo voleva seguire Gesù lungo questo cammino. Il punto di svolta nella vita di Vincenzo è stato quando ha cominciato a identificarsi con i poveri, quando ha cominciato a rendersi conto della propria povertà. Quando Vincenzo scoprì di essere povero lui stesso, quando raggiunse il punto di non dire più “i poveri”, ma poteva esclamare “noi poveri”, divenne un segno chiaro che riconosceva apertamente la propria povertà, le proprie debolezze,i propri peccati. Da quella prospettiva, da quel momento in poi, uscì per incontrare altri.

In questo modo l’altra persona – la persona spiritualmente, materialmente, fisicamente e mentalmente povera – diventa parte di lui, della sua famiglia, diventata suo fratello o sorella. Così, Vincenzo de Paoli scoprì “il volto di Gesù” nei poveri e nei poveri il volto di Gesù. Questo è diventato il suo tesoro più prezioso. Come ha detto ai suoi confratelli: “È bello vedere i poveri se li consideriamo in Dio e con la stima in cui Gesù Cristo li ha tenuti!” Vincenzo spesso notò che quando si va ai poveri, si incontra Gesù. Viveva ciò che una volta egli stesso aveva espresso in modo straordinario: “Il tuo dolore è il mio dolore“. Non importa il campo in cui siamo chiamati a servire, sappiamo che i poveri sono “nostri signori e maestri“, che “la carità di Gesù Il crocifisso ci esorta “a servirli.

Vincenzo ha scoperto l’unità indissolubile tra la preghiera e il servizio, i sacramenti e il servizio, i misteri della fede e il servizio. L’Incarnazione, la Santa Trinità, l’Eucaristia e Maria, sono diventati i pilastri della sua spiritualità. Le virtù della semplicità, dell’umiltà, della gentilezza, dare priorità a Gesù e non a persone e cose, la missione, la salvezza dell’umanità erano virtù che Vincenzo scoprì in Gesù stesso. Sono diventati parte della struttura spirituale che Gesù stava costruendo nel cuore di Vincenzo.

Lo Spirito di Dio, lo Spirito di Gesù, lo Spirito Santo, opera, si muove, incoraggia, porta il fuoco nella Chiesa attraverso numerosi doni e non smette di sorprendere sempre, portandoci all’obiettivo di tutta l’umanità: il Regno, la vita eterna, la vita in Gesù, con Gesù in eterna felicità. Lo Spirito Santo porta diversi carismi all’interno della Chiesa, percorsi diversi verso lo stesso obiettivo.

Un carisma specifico significa scoprire una particolare tonalità del volto di Gesù, essere attratti, ispirati, chiamati a seguire Gesù, trovare un posto nella Chiesa, il modo di servire, vivere la fede, partecipare al piano di salvezza di Gesù per ogni singola persona e tutta l’umanità. Come membri della Famiglia Vincenziana, ci specchiamo sul volto di Gesù che Vincenzo de Paoli ha scoperto e da cui è stato ispirato. Vediamo il volto di Gesù che ha cambiato la sua vita, in cui ha trovato il vero significato della sua esistenza e ha capito la missione che è stata chiamata a compiere. Noi, come suoi discepoli, stiamo cercando di farlo nel qui e ora. Vincenzo de Paoli ci invita ad approfondire nella nostra vita e ad incoraggiare gli altri a scoprire e seguire il “volto di Gesù” che egli ha lasciato a noi. Il carisma vincenziano è un modo di vivere. Come modo di vita all’interno della Chiesa, è una strada alla santità, alla santificazione delle nostre vite e alla vita degli altri. La Famiglia Vincenziana è un movimento composto da persone appartenenti ai diversi rami della Famiglia, ma anche da coloro che ancora non appartengono ad un ramo specifico, ma sono ispirati dal modo con cui San Vincenzo de Paoli ha vissuto. Questo è un movimento ispirato al “volto di Gesù”, scoperto e seguito da San Vincenzo de Paoli.

San Vincenzo ci ha anche ricordato che “l’amore è inventivo all’infinito“. Spero che possiamo continuare a cercare nuovi modi creativi per rispondere alle esigenze dei poveri. A tal fine, e per celebrare il 400 ° anniversario del carisma vincenziano, nel prossimo mese del Simposio Internazionale della Famiglia Vincenziana lanceremo due iniziative: l’Iniziativa Globale Vincenziana sugli Homelessness e il Vincentian Film Festival. In risposta all’invito del Santo Padre nel suo messaggio per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri, possiamo aggiungere queste due iniziative ad altri contributi nell’evangelizzazione del mondo odierno, nuovi contributi per esercitare nella nostra vita l’essenza del Vangelo. Adesso mi ritaglio un momento per rivolgermi ai giovani presenti oggi. Cari giovani, carissimi ragazzi e ragazze, tutti voi, che sentite che Gesù vi invita a offrire la vita a lui nei poveri come sorella, fratello o sacerdote, con tanta fiducia in Lui, rispondi: Sì, Gesù, eccomi qui! Credo che questo 400 ° Anniversario possa ispirare molti di voi a seguire le orme di San Vincenzo de Paoli. L’intercessione della Madonna della Medaglia Miracolosa e di tutti i Santi e Beati della Famiglia Vincenziana ci aiuterà a continuare la missione che non finirà finché “la carità è globalizzata” finché la carità non raggiunge gli angoli più lontani della terra.

Rev. Tomaž Mavrič, C.M.
Superiore Generale

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This