ultime notizie su COVID-19

La criminalità degli immigrati, indagine "contro corrente"

da | Ott 23, 2009 | Giustizia e Legalità | 0 commenti

Una ricerca che “rema contro corrente”, voluta per affrontare “con
maggiore serenità” un fenomeno che appare un’emergenza crescente ai
cittadini italiani.

Lo studio, promosso dall’Agenzia Redattore Sociale  e realizzata dall’équipe del Dossier statistico immigrazione  Caritas/Migrantes – “La criminalità degli immigrati: dati,  interpretazioni e pregiudizi”, ridimensiona l’allarme per
“l’emergenza criminalità degli stranieri”: non esiste, infatti, alcuna
corrispondenza tra l’aumento degli immigrati regolari e l’aumento dei
reati in Italia: tra il 2001 e il 2005 – ultimo anno in cui sono  disponibili le statistiche giudiziarie dell’Istat, per gli anni  successivi esistono solo gli aggiornamenti del ministero dell’Interno  sul numero totale -, le denunce nei loro confronti sono aumentate  quasi del 46%, mentre gli stranieri sono cresciuti di più del 100%. Il  “tasso di criminalità” degli immigrati regolari in Italia è
leggermente più alto di quello degli italiani (tra l’1,23% e l’1,40%,  contro lo 0,75%) ma, se si tiene conto della differenza di età,  risulta uguale a quello degli italiani e addirittura inferiore tra le persone oltre i 40 anni. Critica invece la situazione di chi non ha  documento: il 70-80% dei denunciati è irregolare e un quarto dei reati  riguarda la condizione stessa dell’immigrato. “Il coinvolgimento degli  immigrati in attività criminose è fortemente legato alla condizione di
irregolarità”.

Fonte: Agenzia Redattore Sociale e Dossier statistico immigrazione
Caritas/Migrantes

Clicca qui per scaricare il dossier in formato pdf

Tags:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO

Pin It on Pinterest

Share This