ultime notizie su COVID-19

Cronaca del primo Festival della Vocazione Missionaria della Congregazione della Missione

da | Set 10, 2020 | Informazione vincenziana | 0 commenti

La pandemia di COVID-19 non ha messo in secondo piano l’atmosfera fraterna con cui la Congregazione della Missione ha iniziato il mese vincenziano.

Martedì 1° settembre, alle 17.00 ora di Roma, è iniziata la prima edizione della Festa della Vocazione Missionaria, un’iniziativa convocata settimane fa dal Superiore generale padre Tomaž Mavrič CM, che ha segnato l ‘apertura delle celebrazioni vincenziane di questo mese e che ha ravvivato la sensibilità vocazionale di tutta la Congregazione della Missione.

All’evento, incontro virtuale organizzato sulla piattaforma Zoom, hanno partecipato oltre 300 persone tra missionari, studenti, seminaristi, formatori e giovani in formazione e discernimento vocazionale provenienti dai cinque continenti.

La comunità della Curia generalizia di Roma ha avuto la responsabilità dell’animazione del festival, ed è intervenuta nella manifestazione come una sorta di “maestro di cerimonia” presentando i relatori e le testimonianze.

Seminaristi di varie Province hanno esibito il loro talento musicale: i primi sono stati i seminaristi della Provincia di Polonia, poi lo studente Jean Baptiste Ging della Provincia di Francia, che ha trasformato in canto la frase che ha ispirato il Festival e che è il motto della chiamata missionaria del Superiore Generale in questo 2020: “La nostra vocazione consiste nell’andare, non in una parrocchia, non solo in una diocesi, ma in tutta la terra” (ES XI, 553). In seguito lo studente Ângelo Cacilda Macamo della Vice-Provincia del Mozambico ha fatto una presentazione rap e i seminaristi della Vice-Provincia del Costa Rica hanno concluso il festival con la nota canzone: “Il Cuore di San Vincenzo de’ Paoli”.

Quattro missionari hanno condiviso le loro esperienze vocazionali delle missioni in cui sono presenti: Padre Toshio Francesco, il primo missionario vincenziano di origine giapponese, che appartiene alla Provincia Occidentale degli Stati Uniti ed è attualmente nella Missione Internazionale di Cochabamba, Bolivia.  Abbiamo trasmesso la registrazione della testimonianza di padre Yohanes Berchmans, attualmente missionario in Indonesia, perché, a causa della differenza di fuso orario, non ha potuto collegarsi in diretta. La terza testimonianza è stata quella di Fr. Jorge Barrera, della Provincia di Colombia, che è stato missionario a Cuba per qualche tempo. La testimonianza di Fratel Jorge è servita a ricordare l’importanza della vocazione dei Fratelli nella Piccola Compagnia. Infine, padre Pedro Opeka ha chiuso la sezione delle testimonianze con la sua storia vocazionale, in cui ha raccontato l’ incontro con i poveri del Madagascar dal 1970, e la sua esortazione ai missionari ad essere una famiglia ovunque ci troviamo, e ha invitato i giovani a non aver paura di rispondere alla chiamata alla vocazione missionaria.

Le testimonianze sono state separate dalla presentazione del libro “Dove Dio ci vuole” di padre Rolando Gutiérrez della Viceprovincia di Costa Rica, che qualche giorno fa ha pubblicato quest’opera sul tema della cultura vocazionale letta alla luce del carisma di san Vincenzo de’ Paoli: “Vi parlo della cultura vocazionale letta dal cuore del carisma vincenziano. … che ci permette di rivitalizzare la mistica missionaria con una sensibilità come quella che ha spinto San Vincenzo a seguire Gesù Cristo, evangelizzatore dei poveri, e che finisce per trasformare tutti noi in chiamanti” ha spiegato l’autore dell’opera che sarà presto pubblicata in inglese e in altre lingue.

Nell’ultima parte del Festival è stata presentata l’intervista che il Superiore generale padre Tomaž Mavrič ha fatto al cardinale Luis Antonio Tagle, prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, che ha visitato la Curia generalizia lo scorso luglio. In quell’intervista, il cardinale ha espresso la sua ammirazione per la Congregazione della Missione per il suo servizio missionario e per il suo contributo alla formazione del clero e dei laici. Il Cardinale ha concluso dando il suo sostegno alla campagna di chiamata missionaria dell’1%:  “Sostengo con tutto il cuore questa Campagna dell’1%, in modo da avere un flusso costante di Vincenziani, specialmente quelli preparati alla missione ad Gentes.  Questo è un valore.  È un modo di dare testimonianza in un mondo frammentato, perché per noi l’amore di Gesù ci rende fratelli e sorelle l’uno per l’altro.  Anche in terra straniera posso trovare una casa, perché ho fratelli e sorelle.   Venire insieme da diversi paesi per incontrare persone e trovare una casa in un altro paese è una testimonianza di Dio che è amore, e che si è incarnato in Gesù Cristo. Voi siete anche chiamati la Congregazione della Missione. Si può dire che si sente la mancanza di casa quando si lascia la propria per andare in un’altra terra. Ma rendete il luogo dove arrivate un’altra vostra casa, perché troverete sempre i poveri per amarli, per servirli, troverete sempre Gesù. Quindi, per favore, lasciate che l’1% diventi il 2% o il 3% a seconda dell’azione di Dio e anche della vostra disponibilità.  Si prega di sostenere la campagna”, ha sottolineato il cardinale Tagle.

Il Festival delle Vocazioni Missionarie si è concluso con il lancio della campagna dell’1% da parte del Superiore Generale. Padre Tomaž, che fin dall’inizio del Festival ha indossato una maglietta bianca con il nome di tutte le città dove ci sono missioni ad Gentes, ha spiegato la campagna in questi termini:  “La Congregazione è missionaria fin dalla sua fondazione, e con la campagna dell’1% cerchiamo di incoraggiare la partenza per la missione, ma in più vogliamo anche recuperare la riflessione sul significato dello Spirito Missionario nella Congregazione, e riconoscere che la nostra dimensione missionaria non è limitata solo alle Missioni Internazionali, ma si sta diffondendo nelle regioni missionarie che hanno assunto molte Province, e che la presenza di missionari al di fuori del proprio Paese è una risposta che una data Provincia dà ad un bisogno di un vescovo o di una Chiesa particolare, ma corrisponde anche alla chiamata della Chiesa ad andare in Missione ad Gentes”.  Il Padre generale ha inoltre segnalato una serie di oggetti che l’Ufficio Comunicazione della Curia generale ha preparato per supportare questa campagna, tra cui manifesti, magliette come quella che indossava, il logo del francobollo dell’1% e il nuovo sito web: https://cmglobal.org/it/mission-cm/

Infine, padre Tomaž Mavrič, CM, ha convocato tutti i missionari legati all’apostolato della Pastorale Vocazionale per un incontro virtuale sabato 19 settembre alle 17.00, ora di Roma, e ha invitato anche i seminaristi e i formandi per un incontro virtuale sabato 17 ottobre alla stessa ora.

Ufficio Comunicazione della Congregazione della Missione

Rivivete il festival nel video seguente:

Tags:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This