Intervista con P. Joel Bernardo CM, direttore esecutivo dell’Ufficio di Solidarietà Vincenziana (VSO)

da | Lug 7, 2022 | Notizie sulla Famiglia Vincenziana | 0 commenti

L’Ufficio di Solidarietà Vincenziana (Vincentian Solidariety Office, VSO) è un programma di servizio della Curia generale della Congregazione della Missione. La VSO è stata istituita dal Superiore Generale e dal Consiglio Generale della Congregazione della Missione il 15 giugno 2002 e ha iniziato il suo servizio il 1° gennaio 2003. Lo scopo della VSO è: “Assistere la Congregazione della Missione nella raccolta di fondi per l’evangelizzazione e il servizio ai poveri”.

Joel Bernardo CM, direttore esecutivo della VSO, durante una pausa dell’Assemblea Generale della Congregazione della Missione a Roma (l’intervista è in inglese, ma c’è una trascrizione in italiano dopo il video):

Trascrizione:

Padre Joel Bernardo, direttore esecutivo dell’Ufficio di Solidarietà Vincenziana (VSO), qual è la missione e la visione del VSO?

La visione della VSO è quella di costruire uno spirito di solidarietà vincenziana, di valorizzare la missione sviluppando progetti a favore dei poveri, migliorando la loro qualità di vita, promuovendo lo sviluppo integrale e la trasformazione sociale.

La missione è quella di assistere la nostra Congregazione nella fornitura di questi servizi, nella mobilitazione delle risorse per questi progetti, nello sviluppo delle capacità e nella responsabilità, soprattutto per le risorse che vengono mobilitate per questi progetti.

Come funziona la VSO?

La VSO funziona come ufficio di sviluppo internazionale della nostra Congregazione per i progetti mondiali. Coordina tutti i progetti, collega le nostre diverse unità missionarie con i partner di sviluppo, mobilita le risorse per i progetti. È simile a una ONG di sviluppo della nostra Congregazione.

Qual è l’approccio?

Il nostro approccio si basa sul principio della solidarietà e della sussidiarietà; la sussidiarietà consiste nel costruire le capacità dal basso, valutando e poi sviluppando la capacità di fornire servizi specifici ai loro ministeri. La solidarietà consiste nel mobilitare il sostegno per costruire capacità dal basso: questi principi vanno di pari passo. Ci occupiamo di creare connessioni, mantenere e sostenere buone relazioni. Non si tratta di denaro, né di fondi, ma di relazioni a diversi livelli, dalla base fino ai più alti livelli di rete con i partner di sviluppo.

Che cosa sono il Fondo di Solidarietà Vincenziana e le sovvenzioni per i microprogetti?

È una buona domanda, perché è legata al nostro approccio: se il principio è quello di creare connessioni e sostegno solidale, un meccanismo chiave è la leva delle risorse. Si tratta di un partenariato in termini di condivisione dei costi e delle risorse per i progetti di sviluppo.

Abbiamo un meccanismo chiamato VSF (Fondo di Solidarietà Vincenziana), in cui le diverse province della nostra Congregazione, specialmente quelle che hanno più risorse, contribuiscono regolarmente e questo fondo aiuta le altre province con meno risorse nelle loro missioni e nei loro progetti di sviluppo. Utilizziamo il VSF anche per ottenere risorse da altri donatori o partner di sviluppo. C’è un altro meccanismo che utilizziamo. Lo chiamiamo schema di matching funds. Il VSF serve quindi come trampolino di lancio per abbinare i fondi ad altri partner. Ora, il microprogetto è, direi, un meccanismo molto speciale che utilizziamo. Abbiamo creato una piattaforma di micro-sovvenzioni per piccoli progetti. Parliamo in termini di “micro” perché ci posizioniamo nella fascia dai 5.000 dollari in giù. È  diverso dal tipico progetto perché è più piccolo, più veloce, coinvolge servizi diretti o progetti che vanno direttamente a beneficio dei poveri ed è facile da realizzare ma è caratterizzato da un grande potenziale di crescita. Vediamo i microprogetti come progetti catalizzatori che possono aiutare a costruire la capacità sussidiaria dal basso verso l’alto. E una volta costruita la capacità, saranno in grado di progredire. Stiamo immaginando questi progetti su piccola scala, non come progetti a sé stanti, ma per aumentare l’impatto quando consolidiamo o costruiamo l’effetto che può creare la trasformazione. La nostra visione è quella di un cambiamento che chiamiamo sistemico, in cui possiamo affrontare i fattori strutturali per cui i poveri rimangono tali, le trappole della povertà e tutti i problemi strutturali e le ingiustizie sociali. Non sottovalutiamo la capacità di un progetto da 5.000 dollari, perché questi microprogetti possono catalizzare il cambiamento. Per questo incoraggiamo i nostri confratelli a iniziare con un microprogetto, senza fare subito le cose in grande. Si tratta di costruire capacità, solidarietà, basandosi sulla sussidiarietà, in modo graduale, e finora, almeno negli ultimi 20 anni, ogni anno realizziamo in media dai 16 ai 20 microprogetti in luoghi diversi, utilizzando i contributi delle province del VSF. Ecco come interagiscono il microprogetto VSF e lo schema del fondo di solidarietà.

Ultima domanda: quali sono le sfide del futuro?

Quest’anno celebriamo il 20° anniversario della VSO: non vediamo l’ora di crescere in una direzione più strategica. In termini pratici, vorremmo concentrarci maggiormente sulle questioni dell’agenda di sviluppo regionale che riguardano i poveri, come l’agenda globale sul cambiamento climatico, i senzatetto, gli sfollati, persino la guerra e la violenza. Vorremmo anche ampliare la nostra collaborazione con i partner di sviluppo, quelli più grandi. Naturalmente, anche costruendo le capacità della base. Stiamo quindi cercando di negoziare un cambiamento di paradigma nella partnership. Non si tratta di un partenariato basato su progetti individuali o su piccola scala, ma di un partenariato basato su accordi a lungo termine per perseguire un’agenda di sviluppo comune o condivisa. Ci sono alcuni partner che si sono dimostrati ricettivi a questo tipo di schema, un partenariato più strategico e a lungo termine verso progetti di sviluppo a maggiore impatto e a favore dei poveri. Questo è il nostro compito da quest’anno in poi, naturalmente senza dimenticare ciò che abbiamo iniziato e fatto finora. Si tratta di un allargamento e non è facile. Ma dato lo slancio che abbiamo accumulato finora negli ultimi 20 anni e confidando nella Provvidenza di Dio, nel duro lavoro e nella guida di San Vincenzo e– lo dico senza presunzione – il nostro marchio vincenziano di risorse organizzate, credo che non ci sia altra strada da percorrere.

Grazie mille, Padre.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO