ultime notizie su COVID-19

La preghiera secondo San Vincenzo de’ Paoli – Parte IV

da | Apr 18, 2020 | Formazione vincenziana | 0 commenti

Conclusione

Lo stesso San Vincenzo ci istruisce: “Infine, ringraziamo Dio per le illuminazioni e le grazie che ci ha concesso nella preghiera e per le risoluzioni che ci ha ispirato. E chiediamo il suo aiuto per eseguire, il prima possibile, ciò che ci siamo proposto”(SV XI, 407).  In quest’ultimo momento dellOM, siamo invitati ad immergerci più profondamente in Dio e a sentire la vita divina che batte dentro di noi.  Vera esperienza di contemplazione, che genera impegno e speranza.

L’OM mira a un’esperienza di contemplazione, il risultato dell’incontro tra l’amore riconoscente di Dio e l’apertura orante, assetata e fiduciosa.  Nella contemplazione, la persona semplicemente assapora la presenza di Dio, si abbandona completamente nelle sue mani, vola libera e felice nella vastità del Mistero che lo circonda.  E il frutto maturo di questa esperienza è la capacità di vedere le persone, il mondo e se stesso con gli occhi di Dio.  Alla fine, come ricorda Papa Francesco: “La contemplazione che lascia fuori gli altri è un inganno” (EG 281).  E aggiunge: “Quando un evangelista riemerge dalla preghiera, il suo cuore è diventato più generoso, si è liberato della coscienza isolata ed è desideroso di compiere bene e condividere la vita con gli altri” (EG 282).

Nella prospettiva di San Vincenzo, un vero mistico, la contemplazione è presentata come un dono di Dio e, allo stesso tempo, come risultato di una vita spirituale matura.  Così definisce l’esperienza della contemplazione, nella conferenza alle Figlie della Carità del 31 maggio 1648: “È nella preghiera che l’anima, alla presenza di Dio, non fa altro che ricevere ciò che lui le dà. Lei è recettiva e Dio stesso le ispira – senza che si affatichi – tutto quello che potrebbe ricercare e molto di più. Avete mai sperimentato, figlie mie, questo tipo di preghiera?  Sono sicuro di sì.  Molte volte, nei ritiri, non siete rimaste stupite che, senza un vostro sforzo, Dio, da solo, ha riempito il vostro spirito di conoscenze che non avevate mai avuto?” (SV IX, 420). La naturalezza con cui Vincenzo parlava di contemplazione è un segnale inequivocabile che lui stesso aveva avuto quell’esperienza (cfr SV IX, 420s, XI, 409, XIII, 143). Le intuizioni e le preghiere che germogliavano spontaneamente nei suoi colloqui sono indicazioni di questa realtà (cfr. SV IX, 428, XI, 357). Spiegando il primo capitolo delle Regole comuni ai membri della Congregazione della Missione, il 13 ottobre 1658, riflette il fondatore: “Oh, se avessimo una visione così penetrante per entrare nell’infinito della sua eccellenza; Oh mio Dio, oh, fratelli miei! Che sentimenti elevati di Dio dovremmo contemplare!  Vorremmo dire con San Paolo che gli occhi non hanno visto, né le orecchie hanno sentito, né la mente dell’uomo ha concepito qualcosa di simile.  Dio è un abisso di dolcezza, un essere sovrano ed eternamente glorioso, un Dio infinito che racchiude tutto ciò che è buono” (SV XII, 110).

Ringraziare Dio per la preghiera

Mi rivolgo direttamente al Signore, esprimendo la mia gratitudine.  Assaporare la presenza di Dio che ha parlato ai nostri cuori e ci ha ispirato risoluzioni, per dirgli la nostra gioia e gratitudine per la possibilità di sperimentarlo presente e operante nella nostra vita personale, familiare e comunitaria, nonché negli eventi della storia.  È quindi conveniente concludere il viaggio dell’OM andando direttamente a Colui che ha parlato ai nostri cuori e provocato nuove disposizioni dentro di noi, concedendoci le sue luci e le sue grazie.  Commentando le Regole delle Figlie della Carità, nella conferenza del 13 ottobre 1658, il fondatore disse: “Hai visto la bellezza della virtù e hai preso le tue risoluzioni. Devi ringraziare Dio per la grazia che ti ha concessa di pregare, che è la grazia delle grazie che Dio può concedere ai cristiani e, di conseguenza, alle Figlie della Carità: quale più grande favore potrebbe fare il nostro Signore a un’anima che permetterle di intrattenersi con Lui e comunicare intimamente con lui? Pertanto, è molto ragionevole ringraziare Dio dopo di aver pregato. Chi ha concesso loro la grazia di farlo? Non è stato solo Dio? È necessario allora ringraziare con affetto. C’è un punto essenziale nella preghiera: coloro che non ringraziano Dio per aver scacciato l’oscurità dalla loro mente, per averli illuminati, facendo loro conoscere la bellezza della virtù e di avere infiammato la loro volontà di praticarla, trascurano un elemento assai importante per fare bene lorazione” (SV X, 572).

Rivedere la risoluzione

Sintetizzo la proposta e la conservo nella memoria del cuore per metterla in pratica.  Lascia che la decisione presa passi attraverso la memoria del cuore.  Non sarebbe conveniente moltiplicare le risoluzioni o implementare una risoluzione in molti aspetti.  Vale la pena di sintetizzarla per facilitare la memorizzazione e l’esperienza.  La cosa più indicata, non dimentichiamo, è prendere una sola risoluzione alla volta.  La tradizione vincenziana prevede l’esercizio dellesame particolare, di solito effettuato verso mezzogiorno (vedi SV X, 605-606).  Di fronte a Dio, brevemente, la persona ritorna alla risoluzione nata dall’OM, ​​al fine di ampliare il desiderio e stimolare la creatività.  Di sera, prima di coricarsi, deve essere fatto l’esame generale, nella prospettiva di una revisione della vita per prepararsi alla conversione, perseverare nel bene ed evitare il male.  San Vincenzo non mancò di spiegare il significato di questo esercizio, parlando alle Figlie della Carità, nella conferenza del 16 agosto 1641: “E quanto al tuo esame, sii fedele. Sappi che deve essere fatto sulla risoluzione presa nella preghiera del mattino. Grazie a Dio se, per sua grazia, hanno praticato la loro risoluzione o richiesta di perdono se, per negligenza, non sono riuscite a farlo” (SV IX, 43). San Vincenzo ha parlato di due forme di esame: “Uno, per vedere se ci sia stata fedeltà alla risoluzione della preghiera del mattino, come, per esempio, una virtù che mi è necessaria …  Inoltre, può essere fatto in un altro modo, cercando di conoscere in particolare il difetto a cui si è più inclini per correggersene”(SV X, 605). Ed ha concluso, citando un esempio per incoraggiare non solo la mortificazione, ma anche la pratica della virtù contraria al vizio che deve essere corretto: “Quale risoluzione ho preso questa mattina nella preghiera?  Se, per esempio, fosse per mortificare l’impazienza, per dire: di solito divento impaziente con mia sorella, come mi sono comportata?  E se vedi che la pazienza è stata praticata quando si è presentata l’occasione, Dio deve essere ringraziato.  Se fosse il contrario, chiedi perdono ed esegui una penitenza.  Perché sarà impossibile correggere un difetto se ciò non viene fatto “(SV X, 606).

Offrire la risoluzione a Dio

Chiedo al Signore la grazia di compiere l’impegno assunto in sua presenza.  Come senza Dio non siamo nulla, non possiamo fare nulla, non vogliamo fare nulla, chiudiamo il percorso dell’OM, ​​chiedendo al Signore di aiutarci a portare a compimento tutto quello che assumiamo in sua presenza.  “È necessario che offrano le loro risoluzioni a Dio, presentino le risoluzioni che hanno ricevuto dalla sua bontà … Abbiamo un grande bisogno di mettere in pratica le nostre risoluzioni, ma non possiamo farlo senza la grazia di Dio” (SV X, 573).  Dirà anche il santo fondatore, invitando le sue sorelle a cooperare con la grazia di Dio: “Tutte le nostre risoluzioni sono nulla senza grazia. Pertanto, dobbiamo chiedere a Dio di rafforzarci e lavorare animatamente” (SV IX, 13). S. Vincenzo stesso ha insegnato alle suore una preghiera che è molto in sintonia con questo ultimo momento del metodo, perché corrisponde perfettamente allo spirito dell’OM: “Sì, mio ​​Dio, intendo entrare nella pratica di bene che mi hai insegnato, so che sono debole, ma, con la tua grazia, posso fare tutto e ho fiducia che mi aiuterai. Per l’amore che ti porta a insegnarci la tua santa volontà, ti imploro di donarmi la forza e il coraggio di portarla a compimento” (SV IX, 10).

Adenda

La ripetizione o condivisione della preghiera, così fortemente raccomandata da San Vincenzo ai Missionari e alle Figlie della Carità (cfr SV IX, 386, XI, 575).

P. Vinicius Teixeira Ribeiro, CM
Provincia de Rio
Fonte: https://cmglobal.org/

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This