ultime notizie su COVID-19

Sono stato molto sorpreso quando ho scoperto una lettera del 1960 di Papa Giovanni XXIII a P. William Slattery, CM, [la trascriviamo completamente alla fine di questo articolo] in occasione del 300 ° anniversario della morte di San Vincenzo e Santa Luisa. Sono stato ancora più sorpreso da ciò che il papa tanto amato aveva da dire sulla Famiglia Vincenziana … e da quanto profetiche fossero le sue parole.

Quasi 60 anni fa, Papa Giovanni XXIII scrisse la seguente dichiarazione nel linguaggio ufficiale e un po ‘fiorito del papa di quei giorni. Iniziò a condividere esperienze del suo tempo come nunzio apostolico a Parigi. È stato ispirato dalle sue frequenti visite alle cappelle delle Case madri della Congregazione della Missione e delle Figlie della Carità, dove le sue raccomandazioni morali sono conservate fino ad oggi.

Cinque punti salienti di questa lettera:

Ne è prova l’ammirevole fertilità dell’albero vincenziano e la sua posterità così meravigliosamente estesa (ha anticipato lo studio pionieristico di suor Betty Ann McNeil sull’albero della famiglia vincenziana di circa 30 anni).
Tre secoli di esistenza hanno visto il servizio di carità fiorire e diffondersi nello spirito e nel senso di San Vincenzo de Paoli, che rimane sempre oggi, animatore e insegnante.
Dame della Carità e le Luise de Marillac, i “Piccoli amici dei Poveri” e le Conferenze di San Vincenzo de Paoli, fondati sull’impulso di Federico Ozanam, senza dimenticare innumerevoli associazioni e associazioni di beneficenza sparse nel mondo, si vantavano il suo patrocinio, essendo animato dal suo spirito e talvolta recante il nome di Vincenzo de Paoli o Luisa de Marillac. Molte sono le opere, intraprese con gioia ed entusiasmo, che le hanno come piloti e protettori. Ovunque, questo esercito pacifico, sotto lo stendardo del Vangelo, combatte contro la molteplicità delle miserie e moltiplica le sue consolazioni tra gli innumerevoli afflitti e sfortunati.

Siamo pienamente convinti che la missione affidata a San Vincenzo de Paoli sia del tutto attuale. Nonostante gli enormi progressi fatti finora, questa forza, questa virtù deve progredire ulteriormente in estensione ed efficacia, specialmente attraverso il lavoro e l’abnegazione di coloro che portano il nome illustre e seguono le regole di un insegnante così glorioso e araldo di Perfezione cristiana
[Questi sono tempi che] richiedono chiaramente altre manifestazioni e altri mezzi: infatti, i nostri tempi hanno visto distanze quasi abolite e le nazioni hanno moltiplicato i loro contatti; La nostra epoca ha reso la famiglia umana sempre più sensibile ai bisogni e alle esigenze di questa affinità. Ecco perché è necessario che la carità obbedisca a questo imperativo: venire in aiuto a tutte le miserie che sorgono nelle persone straniere, anche superando le distanze notevoli.
In che modo profetico Giovanni XXIII parlò del modo in cui il carisma si è sviluppato a livello globale negli ultimi 60 anni!

Inoltre, vi invito a leggere il seguente riassunto di come la Famiglia Vincenziana si è sviluppata in Nord America dal 1986 ad oggi.

La famiglia vincenziana in Nord America
Queste pietre miliari seguenti sono tratte da una breve storia della Famiglia Vincenziana negli Stati Uniti che ho iniziato a scrivere quasi 20 anni fa …

1986 Incontro annuale della Società di San Vincenzo de Paoli a Notre Dame, Indiana (1000 partecipanti)
Motto: la famiglia vincenziana: rispondere al grido dei poveri

Presenze in evidenza: Amin de Tarrazi, presidente internazionale di SVDP
Richard McCullen, CM, Superiore Generale
John Simmos, Presidente nazionale degli Stati Uniti dell’SVDP
Mons. Thomas J. Murphy, Consigliere episcopale nazionale SVDP

Facilitatori: Patricia Connolly, HC; John Grindel, CM
Introduzione ai rami di famiglia: Robert Schwane, CM; Jean Juliano, HC; Romilda Berling, LOC; Sheila Gilbert, SVDP.
Workshop: Leo Keigher, CM; Frank Ryan, SVDP; Elizabeth Keaveney, HC; William Hartenbach, CM; Mary Rose McGeady HC; Barry Moriarity, CM.

1986 Papa Giovanni Paolo II in un discorso all’Assemblea Generale della Congregazione della Missione avvia la chiamata al «Cambio sistemico»: “… Guarda, più che mai, con audacia, umiltà e abilità,alle cause della povertà e incoraggia soluzioni a breve e lungo termine; soluzioni concrete, adattabili ed efficaci. Nel fare ciò, sarà necessario lavorare per la credibilità del Vangelo e della Chiesa »(Papa Giovanni Paolo II)

1998 Robert Maloney, CM ha invitato i rappresentanti della Famiglia Vincenziana all’Assemblea Generale della Congregazione della Missione.
Inoltre, su sua richiesta, è stato creato il sito web internazionale della Famiglia Vincenziana, famvin.org.

1999 Il primo incontro dei dirigenti della famiglia vincenziana degli Stati Uniti si tenne a Los Altos, in California. Assistenti: 5 Visitatori della Congregazione della Missione e 5 delle Figlie della Carità, Presidenti della Società di San Vincenzo de Paoli e Dame della Carità.

2000 Robert Maloney, CM convoca ufficialmente la famiglia vincenziana internazionale.

2001-17  incontri nazionali della famiglia vincenziana del Nord America.

2017 Più di 11.000 membri di vari rami della Famiglia Vincenziana si sono riuniti in Piazza San Pietro per celebrare il 400 ° anniversario della nascita del carisma e ascoltare il discorso di Papa Francesco, oltre a venerare con lui la reliquia del cuore di San Vincenzo.

Nel gennaio 2020, i leaders di circa 100 rami si incontreranno a Roma per la prima riunione di alto livello.

Papa Giovanni XXIII sembra essere stato molto preciso quando scrisse, 60 anni fa, che “questa forza, questa virtù [della Famiglia Vincenziana] deve progredire ulteriormente in estensione ed efficacia”.

LETTERA DI SUA SANTITÀ GIOVANNI XXIII
A PADRE WILLIAM SLATTERY,
SUPERIORE GENERALE DELLA CONGREGAZIONE DELLA MISSIONE
NEL III CENTENARIO DELLA MORTE
DI SAN VINCENZO DE’ PAOLI E SANTA LUISA DE MARILLAC

 

Figlio diletto Salute e benedizione apostolica,

con il III Centenario della morte di San Vincenzo de Paoli e Santa Luisa de Marillac, quest’anno conoscerà degne solennità che segneranno tali ricordi ovunque. Attraverso la tua attenta vigilanza, figlio diletto, siamo stati debitamente informati della preparazione di queste feste religiose.

Questo annuncio ha portato alla nostra anima una piacevole consolazione, vista la particolare devozione che da qualche tempo conserviamo verso queste due anime sante. Infatti, quando in Francia servivamo come nunzio apostolico, guidati da un pio movimento, andavamo spesso a venerare i resti mortali di quei due grandi santi che la città di Parigi conserva in preziose urne, una nella casa madre dei Preti della Missione, un altro, nella casa principale delle Figlie della Carità.

Pertanto, non possiamo non far sentire la nostra voce nelle solennità di questo III Centenario e testimoniare la nostra ammirazione e lode, esaltando Vincenzo de Paoli, un illustre modello di carità. Il nostro desiderio più vivido è che non solo per te e i tuoi confratelli, San Vincenzo sia una guida e un modello di spirito e perfezione evangelica, ma desideriamo che tutti i bambini della Chiesa cattolica lo considerino e lo imitino con crescente ammirazione e amore,

Affidandoci al passato della storia, siamo lieti di aspettarci, anche oggi, la realizzazione di questo nostro desiderio. Di solito, dopo ciascuno dei concili ecumenici, sono emersi eroi cristiani, e non già isolati, ma in numero ripetuto. Le sue opere e il duro lavoro hanno contribuito a portare a compimento il Regno di Dio. Ciò è accaduto, in particolare, negli anni che seguirono il Concilio di Trento. Quanti fiori non hanno decorato il giardino della Chiesa! E il suo cielo, quante nuove stelle non brillavano! Quanti santi sono sorti! Tra questi, Vincenzo de Paoli, un’anima selezionata tra tanti eletti, quanto bene ha fornito il popolo cristiano! Ha ampliato i pensieri dello spirito umano e moltiplicato le meraviglie del Signore, che ha lavorato meravigliosamente. Dio gli ha dato la saggezza e una grande comprensione e un ampio cuore come la sabbia che si trova in riva al mare (cfr. III Reg. IV, 29). Bruciò anche un fervore mistico che lo infiammò completamente e gli permise di usare le parole dell’apostolo Paolo: “Per me, vivere è Cristo” (Flp 1:21). Aveva una chiara comprensione per affrontare le questioni con sorprendente lucidità; possedeva un’incredibile capacità di risolvere tutto; godeva anche di grande fermezza e volontà, raramente portate a un livello così elevato, ed entrambi felicemente uniti in lui per servire con la tenerezza dell’anima. Abbracciato da una perpetua fiamma di carità, fu consumato da Cristo, dalla Chiesa e dai poveri e sfortunati, che chiamò i suoi “Maestri”. Molto varie e diffuse sono le opere che ha intrapreso e portato a compimento nell’ordine ecclesiastico, morale e sociale, opere che hanno conservato fino ad ora la sua straordinaria grandezza. Ai loro tempi moltiplicarono i servizi mai abbastanza apprezzati, che conservano e generano ancora la loro influenza benefica.

Prova di ciò è l’ammirevole fecondità dell’albero vincenziano e la sua posterità così meravigliosamente estesa. La Congregazione della Missione è stata fondata da lui per porre rimedio a bisogni urgenti e pressanti. Ha intrapreso con il massimo impegno, tra le altre attività, la formazione del clero attraverso Esercizi spirituali, per promuovere il progresso continuo in un modo di vivere apostolico sempre più puro. Ha anche organizzato missioni parrocchiali che, allora come oggi, sono svolte con lo spirito determinato di ottenere maggiori frutti della vita religiosa. Straripando ampiamente i confini della Francia, i suoi rami si sono diffusi e prosperano ovunque in numero e vigore, sempre ispirati da un nobile senso cattolico.

Le Figlie della Carità, che si dedicano a nutrire la fiamma dell’amore di Dio e che riconoscono San Vincenzo de Paoli come Padre, come venerano come una Madre vigile e amorevole, Santa Luisa de Marillac, non meritano meno lodi. Evidentemente non fu per la disposizione della divina Provvidenza come Vincenzo trovò Luisa de Marillac, la collaboratrice che gli somigliava così tanto, dotata di eccellenti qualità, di una magnanimità sempre pronta all’azione, che ora marcia alla testa di una moltitudine di anime sante, gioia e onore allo stesso tempo della Chiesa e della famiglia umana.

Con un intervallo di pochi mesi, la morte venne a cercarsi una dopo l’altro, un chiaro segno che dopo essere stati uniti nell’abnegazione durante questa vita, sono determinati a proteggere dal cielo la generosità nello zelo apostolico, uniti ora anche nello sforzo comune di continuare sempre la sua protezione celeste.

Ma questo non è abbastanza. Tre secoli di esistenza hanno visto il lavoro di carità fiorire e diffondersi nello spirito e nel senso di San Vincenzo de Paoli, che rimane sempre oggi, animatore e insegnante. Dame della Carità e Luise de Marillac, i “Piccoli amici dei Poveri” e le Conferenze di San Vincenzo de Paoli, fondati sull’impulso di Federico Ozanam, senza dimenticare innumerevoli associazioni e opere di carità sparse nel mondo, che si gloriano del suo patrocinio, con l’animazione del suo spirito e talvolta il nome di Vincenzo de Paoli o Luisa de Marillac. Molte sono le opere, intraprese con gioia ed entusiasmo, che li hanno come guide e protettori. Ovunque, questo esercito pacifico, sotto lo stendardo del Vangelo, combatte contro la molteplicità delle miserie e moltiplica le sue consolazioni tra gli innumerevoli afflitti e sfortunati.

Siamo pienamente convinti che la missione affidata a San Vincenzo de Paoli sia del tutto attuale. Nonostante gli enormi progressi fatti finora, questa forza, questa virtù deve progredire ulteriormente in estensione ed efficacia, specialmente attraverso il lavoro e l’abnegazione di coloro che portano il nome illustre e seguono le regole di un insegnante così glorioso e araldo di perfezione cristiana

Nel nostro tempo, le conoscenze scientifiche e tecniche fanno progressi incredibili. Tuttavia, il suo sviluppo non porta con sé la conseguenza di un maggiore benessere nel settore pubblico o privato, ma una crescente freddezza; lo spirito dell’uomo è sempre più preda di un amore eccessivo e indisturbato per se stessi; le pubbliche relazioni tra le nazioni sono impregnate di paura reciproca piuttosto che dell’amore. Nel nostro tempo, il calore della carità è il bisogno primario degli umani per evitare la loro perdita e trovare in Dio quell’unione che produce tutta la felicità. «Per questo motivo, fratelli miei, affermava già sant’Agostino,esercitate la carità, dolce e salutare vincolo delle anime: senza di essa il ricco è povero; con essa il povero è ricco. Quanto è grande questa virtù! È l’anima delle Sacre Scritture, la virtù suggerita dalle profezie, la salvezza fornita dai sacramenti, la fermezza della conoscenza, il frutto della fede, la ricchezza dei poveri »(Sant’Agostino, Serm.350, De Carit. II ; 3 Migne, Pair. Lat. XXXIX, 1534).

Questa carità deve essere nutrita e basata sugli stessi motivi e intenzioni soprannaturali di cui è ripieno San Vincenzo de Paoli. Ma richiede chiaramente altre manifestazioni e altri mezzi: infatti, i nostri tempi hanno visto le distanze quasi abolite e le nazioni hanno moltiplicato i loro contatti; la nostra epoca ha reso la famiglia umana sempre più sensibile ai bisogni e alle esigenze di questa affinità. Ecco perché è necessario che la carità obbedisca a questo imperativo: venire in aiuto di tutte le miserie che sorgono nelle persone straniere, anche superando le distanze notevoli.

Sì, che in occasione delle solennità celebrate in onore di San Vincenzo, il suo spirito ci diventi più familiare per sollevare chi è caduto, per aiutare chi soffre e per rianimare colui che è oppresso dal duro bisogno «Possiamo essere veramente incoraggiati dallo stesso spirito, amando ciò che amava e praticando ciò che insegnava »(Prop. Cong. Miss. 19 lug. Raccogli).

Pertanto, con tutto il nostro cuore e formulando tali desideri, ti concediamo, caro Figlio, la Benedizione Apostolica, a te, ai tuoi confratelli, alle pie Figlie della Carità, a tutte le famiglie vincenziane e a tutti quelli che partecipano alle festività, preghiere e celebrazioni programmate per questo III centenario. Con tutto il nostro cuore, ti benediciamo e ti incoraggiamo a praticare questa carità allo stesso modo e con lo stesso spirito che ha guidato San Vincenzo de Paoli e Santa Luisa de Marillac.

Dato a Roma, in San Pietro, il 20 febbraio 1960. Secondo anno del nostro pontificato.

IOANNES PP XXIII

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This