Durante i mesi di aprile e maggio 2018, padre Joseph Agostino CM, coordinatore internazionale dell’Ufficio della Famiglia Vincenziana di Philadelphia, USA. UU., è in visita in Europa incontrando i responsabili dei diversi rami della Famiglia Vincenziana.

Foto: Fratello Lawrence Obiko CMM, CMM P. Jan Koppens, e Padre Joe Agostino CM nella ‘Walk-in-pranzo’ sulla comunità Elim a Tilburg, Paesi Bassi.

Viaggiare in Europa

Il viaggio di padre Joe Agostino è iniziato in Germania, dove ha fatto una presentazione a una conferenza di MEGVIS (gruppo europeo di studi vincenziani). Ha anche visitato l’Austria, la Svizzera, la Francia e il Belgio, incontrando i superiori generali di vari rami della Famiglia Vincenziana. Il 30 aprile, padre Agostino è arrivato nei Paesi Bassi. Il fratello Obiko CMM, Superiore Generale dei CMM Brothers, lo ha ricevuto alla Casa Generalizia della CMM. Nei Paesi Bassi c’è stato anche un incontro con i superiori, impegnati in un dialogo sul futuro del carisma vincenziano, nonché sulla collaborazione, le sfide e le speranze.

Incontri personali

Lo scopo del viaggio attraverso l’Europa di padre Agostino, coordinatore internazionale dell’Ufficio della Famiglia Vincenziana, è quello di affrontare le sfide e le opportunità nelle filiali europee della Famiglia Vincenziana. La visita consente inoltre ai superiori generali di familiarizzare con l’ufficio della famiglia vincenziana. Invece di avere semplicemente un contatto via e-mail, gli incontri personali si rivelano molto più preziosi e fruttuosi.

Condividi un pranzo

Padre Agostino non si è incontrato solo con i superiori generali. Avendo una chiara idea di ciò che le diversi rami della Famiglia Vincenziana stanno facendo in Europa, ha visitato anche alcuni dei loro progetti. Il 3 maggio, per esempio, è entrato a far parte dei “Walk-in” nella comunità Elim di Brothers CMM. Più di un milione di olandesi si sentono molto soli. Spesso, gli anziani, le persone con un reddito molto basso o gli immigrati che hanno dovuto lasciare i loro amici e la famiglia alle spalle. Nella comunità Elim c’è un pranzo walk-in ogni martedì e giovedì. Chiunque voglia condividere un pranzo con altre persone, conosciute o sconosciute, si avvicina a mezzogiorno. In questo modo, gli iniziatori sperano di attirare l’attenzione su persone che si sentono sole e hanno bisogno di un contatto.

Nella Casa Generalizia dei Fratelli CMM, padre Agostino ha espresso apprezzamento per il modo in cui i vari rami della Famiglia Vincenziana in Europa vivono la loro eredità culturale e il carisma Vincenziano, dicendo: “Tutti hanno un loro modo particolare di vedere il carisma vincenziano, e insieme formano le molteplici e belle sfaccettature di un diamante brillante.”

Il bisogno di approfondire il carisma

Fino ad ora, padre Agostino ha percepito il bisogno che c’è in Europa di una più profonda conoscenza del carisma vincenziano. La sfida è come farlo nel modo giusto e in modo che sia prezioso anche per le generazioni future, per i giovani, i laici e le persone che sono meno coinvolte nella vita religiosa e della Chiesa. La Famiglia Vincenziana sta cercando dei modi per sviluppare un vocabolario amichevole con i laici sul carisma di Vincenzo de’ Paoli.

Motivi per sentirsi benedetti

“La chiamata a vedere Gesù nel volto dei poveri —ha detto padre Agostino— come fece Vincenzo de’ Paoli, è ancora necessaria oggi, e rimane decisamente intensa e ci dà l’energia per continuare a camminare verso il futuro. Ci sono molti motivi per essere grati a Dio. Uno è l’invito ad essere partner in questa missione. Si tratta di un motivo di sentirsi benedetti, perché è rilevante oggi come lo era 400 anni fa.”

Fonte: https://www.cmmbrothers.org/


Tags:

Pin It on Pinterest

Share This