185 anni fa, il 23 aprile 1833, un gruppo di laici cattolici francesi, devoti e visionari, si incontrarono per fondare la prima “Conferenza della carità”, anni dopo nota come “Società di San Vincenzo de ‘Paoli”. Ciò che ha motivato quegli uomini di fede è stata la pratica della carità, la santificazione personale, l’amicizia tra loro e la costruzione di un mondo più giusto, basato sui valori del Vangelo di nostro Signore Gesù Cristo.

In pochi anni, l’entità nascente crebbe rapidamente in Francia, raggiungendo altri paesi in Europa e nel mondo. Attualmente, l’SSVP è presente in 153 paesi o territori, riunendo 800.000 membri e più di un milione di volontari, aiutando 30 milioni di persone all’anno. Quella prima conferenza (Saint-Étienne-du-Mont) è diventata 50.000 nuove “comunità di fede e servizio”. Un vero miracolo di Dio grazie all’intercessione dei nostri fondatori! Anche la Chiesa, attraverso vari Papali Breves, ha conferito un ampio riconoscimento istituzionale al SSVP, in diverse occasioni.

Tutti noi, vincenziani del XXI secolo, dobbiamo essere consapevoli che, con la grazia di Dio, il lavoro che svolgiamo, anche se abbastanza discreto, è molto efficace e ha generato innumerevoli frutti per le persone salvate. Ci sono innumerevoli benefici forniti a milioni di esseri umani bisognosi, che si affidano alla mano amichevole di Vincent per continuare a superare le sfide della vita. Non percepiamo sempre l’importanza e la rilevanza che l’azione caritativa esercita nel SSVP nel mondo.

Vale la pena ricordare qui alcune parole di incoraggiamento che il 1 ° Presidente Generale, Emmanuel Joseph Bailly de Surcy, ha detto nell’introduzione alla Regola del 1835, che apprezzo molto: “I sentimenti di fratellanza tra i membri devono trasformare i nostri cuori in un cuore, e tutte le nostre anime in una sola anima (“cor unum et anima una”), e questo renderà la nostra Fraternal Society più cara. Sebbene amiamo la nostra umile Compagnia, nata dalla misericordia di Dio, dobbiamo sapere che è fragile “.

Non ho potuto finire quel riflesso senza menzionare membri, fratelli e sorelle già deceduti in questi 185 anni di esistenza del SSVP. Ricordiamo rispettosamente la loro memoria, e preghiamo una preghiera amorevole, perché i nostri predecessori che sono già nella Casa del Padre fanno parte della “Conferenza Celeste” e continuano ad intercedere per noi qui sulla Terra. Ecco perché il nostro SSVP può essere considerato una vera “scuola di santità”, dato che abbiamo già circa 50 membri in processi di canonizzazione in diverse fasi, tra cui il beato Federico Ozanam.

Nella qualità del sedicesimo presidente generale, ea nome del Consiglio di amministrazione internazionale, vorrei che questo messaggio raggiungesse tutti i vincenziani del mondo, congratulandoli con loro per i servizi pertinenti resi all’umanità, alla Chiesa e alla società civile. Rimanete saldi nella fede, nella carità e nella speranza, sempre in unità con il Consiglio generale, che è il custode della Regola e delle origini della nostra Società.

Possa il buon Dio continuare a riempirci di benedizioni e possa la Vergine Maria proteggerci da tutti i mali. Grazie mille, Ozanam, Bailly, Lallier, Clavé, Le Taillandier, Lamache e Devaux! Grazie, sorella Rosalie Rendu! Congratulazioni a tutti i vincenziani del mondo! Lunga vita alla Francia! Lunga vita al SSVP!

Fratello Renato Lima de Oliveira
16 ° Presidente Generale

Pin It on Pinterest

Share This