Crescono i prezzi alimentari, paga il sud del mondo

da | Giu 3, 2011 | Fame nel mondo, Opinioni a confronto, Politica internazionale, Poverta' / analisi, Storia e cronaca, Volontariato | 0 commenti

Continui rincari dei generi alimentari di base rischiano di ridurre alla fame milioni di persone, dall’America Latina all’Asia passando per l’Africa: lo sottolinea l’organizzazione non governativa inglese Oxfam, secondo la quale entro il 2030 la crescita dei prezzi dei prodotti essenziali potrebbe sfiorare il 180%.
In un rapporto intitolato “Growing a Better Future”, in italiano “Coltivando un futuro migliore”, gli esperti dell’ong prevedono che la popolazione mondiale raggiungerà i nove miliardi entro il 2050 e allo stesso tempo ricordano che negli ultimi 20 anni il tasso di crescita della produzione agricola si è più o meno dimezzato. I rincari sono destinati a colpire diverse zone del Sud del mondo, dove una parte significativa della popolazione spende circa l’80% del proprio reddito per soddisfare i bisogni alimentari.

Nel rapporto si fa riferimento a quattro aree o paesi dove la situazione è già oggi molto critica. Sono il Guatemala, con circa 865.000 persone a rischio di “insicurezza alimentare”; dell’India, dove un litro di latte costa l’equivalente di 10 euro e 45 centesimi; dell’Azerbaigian, dove quest’anno la produzione di farina è crollata del 33% a causa del maltempo; dell’Africa orientale, dove la siccità insieme con i rincari propagati dalle crisi in Medio Oriente e Nord Africa hanno determinato mancanza di cibo per otto milioni di persone.

Secondo Oxfam, queste dinamiche sono aggravate dalle storture di un sistema “costruito da e per conto di una piccola minoranza interessata al proprio profitto”. L’idea è che le disparità tra Nord e Sud del mondo sono accresciute dai sussidi concessi dai paesi ricchi ai propri agricoltori e da società internazionali che “si muovono sui mercati dei beni come se stessero giocando al casinò”.

Fonte: www.misna.org

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO