ultime notizie su COVID-19

Pianeta carcere: una telefonata allunga la vita…

da | Apr 27, 2010 | Carcere, Giustizia e Legalità, Opinioni a confronto, Politiche sociali, Storia e cronaca | 0 commenti

Qui in cella una telefonata ti allunga davvero la vita

a cura della Redazione di Ristretti Orizzonti

dal Mattino di Padova, rubrica “Lettere dal carcere”, 12 aprile 2010

Essenziale il contatto con i nostri familiari

Con il continuo aggravarsi del sovraffollamento si stanno progressivamente aggravando anche le condizioni di vita all’interno dei penitenziari, e non solo per quanto riguarda lo spazio che ogni detenuto ha per vivere, ma anche per quanto riguarda i rapporti con i propri familiari, in quanto ci stiamo vedendo ridotte pure le possibilità di fare i colloqui.

Quando la presenza dei detenuti nelle carceri era, diciamo, nei limiti del tollerabile, si potevano fare i colloqui prolungati, che sono importanti soprattutto per persone che vengono da posti lontani. Ora questo non è più possibile in quanto, a causa di questo sovraffollamento che ha raggiunto limiti mai visti prima nella storia, per permettere di fare colloquio a tutti si deve per forza ridurre il tempo a disposizione per ogni colloquio a una sola ora.

Sta succedendo quindi che c’è gente che viene da posti lontani centinaia di chilometri per poter fare poi, al posto di 2-3 ore come prima, solo un’ora di colloquio. Tutto ciò sta causando enorme disagio e sconforto ai familiari che si vedono ulteriormente limitato il tempo a disposizione per poter stare con i loro cari, e ai detenuti questo stato di cose sta causando stati di angoscia e disperazione tali da indurre in alcuni casi anche al suicidio (ben 72 nel 2009 e 13 nei primi mesi del 2010).

Di fronte a questa situazione, che ha raggiunto livelli così allarmanti da non essere più tollerabile, la stessa Corte Europea, considerando che ben poco si può fare per diminuire la densità della popolazione stipata all’interno delle celle, ha invitato a far sì che nelle carceri vengano messi in atto tutti quei miglioramenti possibili, per rendere le condizioni di vita dei detenuti un po’ più umane. Tra i miglioramenti che noi detenuti siamo convinti che si possano fare, e anche a bassissimo costo per l’amministrazione penitenziaria, c’è quello di ampliare i colloqui visivi e la corrispondenza telefonica.

Se si tiene presente quanto importanti siano per un detenuto i contatti con i propri familiari e quanto danno può causare l’allontanamento da loro (soprattutto per quelli che entrano in carcere per la prima volta, spesso molto giovani) si può capire che l’aumentare il tempo a disposizione per poter stare con loro può far fronte almeno in parte allo stato di sofferenza che il sovraffollamento sta causando. Per un detenuto, i contatti con i propri familiari sono fondamentali e la famiglia è tutto.

La vicinanza alla famiglia e l’intensificazione dei rapporti affettivi farebbe sicuramente in modo che i detenuti non cadano in stati depressivi, o si facciano del male con atti di autolesionismo, o peggio, come accade, che qualcuno si tolga la vita. Per quanto riguarda i colloqui visivi, chiediamo allora che venga aumentato il numero delle ore, e dove ciò non è stato ancora fatto, che vengano migliorati i locali adibiti ai colloqui, anche venendo incontro alle esigenze che possono avere i familiari anziani o i bambini piccoli.

Per quanto poi riguarda i colloqui telefonici, poiché tante famiglie non possiedono nelle loro case apparecchi telefonici fissi, e questo fa si che tantissimi detenuti non possano mai parlare al telefono con i propri familiari, chiediamo di venire autorizzati a chiamare oltre che agli apparecchi fissi, anche a quelli mobili, possibilmente per più dei dieci miseri minuti a settimana.

Telefonare ad apparecchi mobili non solo non creerebbe per l’amministrazione complicazioni, ma eviterebbe quell’inconveniente che spessissimo succede, tutte le volte che all’apparecchio non risponde nessuno perché il familiare in quel momento magari non è in casa, per cui si deve riprovare ancora a fare il contatto, e se non si riesce andare avanti a tentativi, per tante volte con comprensibili perdite di tempo e fastidi, e spesso con il rischio di perdere la telefonata settimanale. Con qualche telefonata in più i tanti detenuti, che hanno le famiglie lontane anche centinaia di chilometri, non saranno più costretti a scontare la loro condanna non avendo quasi mai contatti con le loro famiglie salvo in occasione di rarissimi colloqui.

Antonio Floris


Tags:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VinFlix

VFO

Pin It on Pinterest

Share This