Sezioni

Vienna: progetto vincenziano per persone senza dimora

Sulla sua pagina Facebook Reinhard Kofler, C. M. racconta la storia di un approccio vincenziano innovativo per dare accoglienza a persone senza fissa dimora. . VINZIDORF (tradotto: “Il villaggio di San Vincenzo”) si prende cura delle persone senzatetto fino al livello successivo … casa di accoglienza.

Il P. Wolfgang Pucher cm., il fondatore del Vinzidorf con una volontaria

A Graz (Austria) c’è un piccolo villaggio, vicino alla chiesa di San Leonardo, realizzato con “containers” chiamati VINZIDORF (tradotto: “villaggio di San Vincenzo”). E ‘stato costruito per gli uomini senza fissa dimora, che non sono i benvenuti in qualsiasi altro luogo a causa di problemi di alcool e problemi comportamentali personali. I giovani Vincenziani e molti volontari vi prestano servizio giorno e notte.

Quando studiavo teologia a Graz offrivo spesso il mio servizio, il più delle volte di notte, dalle 7 della sera alle 7 del mattino. E ‘stato un momento molto toccante che ha permesso di entrare in stretto contatto con persone che normalmente non si desidera incontrare per strada. In questo villaggio essi vivono insieme, con alcune regole e accompagnati da volontari vincenziani.

Qualche giorno fa un nuovo progetto è iniziato nel VINZIDORF: una casa di accoglienza per ricevere da questo “villaggio” le persone che stanno per morire. Il vescovo della Stiria e il governatore della contea della Stiria è venuto con padre Wolfgang Karl Pucher, un famoso sacerdote vincenziano, che si occupa dei più poveri tra i poveri, per inaugurare la nuova casa di accoglienza. I medici e le suore dall’ospedale, gestito dalle Suore di Santa Elisabetta, si prendono cura di coloro che muoiono nel villaggio San Vincenzo.

Si tratta di un nuovo lavoro dei Padri vincenziani in Austria!

Forse hai anche tu alcune storie interessanti di vita vincenziana!

E conclude con “Scambiamoci le storie di vita come giovani Vincenziani! Siamo tutti interessati a quello che avviene tra i giovani vincenziani in tutto il mondo!

una stanza della casa di accoglienza

No comments yet.

Lascia un commento